4 dicembre 2016

Rieti, il 7 ottobre la cerimonia per l’assegnazione del titolo “Città del Sollievo”

Venerdì 7 ottobre, alle 11, presso la Sala consiliare del Comune di Rieti, si terrà la cerimonia di assegnazione alla città di Rieti del titolo “Città del Sollievo”. Alla cerimonia interverranno, oltre al sindaco Simone Petrangeli e al consigliere delegato alla Sanità Enrico Zepponi, il direttore generale della Asl di Rieti, Laura Figorilli, il Vescovo di Rieti, Mons. Domenico Pompili, i rappresentanti della Fondazione Onlus Gigi Ghirotti, Prof. Numa Cellini e l’Avv. Giuseppe Guerrera, la presidente dell’Alcli, Santina Proietti, e il presidente dell’Associazione Musikologiamo, Antonio Sacco. Nel 2012, in occasione della Giornata Nazionale del Sollievo, proclamata e patrocinata dal Ministero della Salute, dalla Conferenza Stato Regioni e dalla Fondazione Onlus Gigi Ghirotti, la Asl di Rieti, il Reparto di Radioterapia oncologica e l’Associazione Alcli hanno ricevuto, presso il Ministero della Salute, il premio nazionale “Gerbera d’oro” per la realizzazione a Rieti del progetto “Fiori di campo”. Il premio viene conferito, ogni anno, alla realtà assistenziale che più di ogni altra, in Italia, si distingue nel percorso di umanizzazione delle cure oncologiche. Il prestigioso riconoscimento, in accordo con l’Anci, consente alla Città ove è stato realizzato il progetto vincitore, di fregiarsi del titolo di “Città del Sollievo”. Per questo, insieme ai cartelli stradali di benvenuto che si trovano alle porte della Città, il Comune di Rieti ha già installato ulteriori cartelli con la denominazione di “Città del Sollievo” recanti i loghi dell’Anci e della Fondazione Gigi Ghirotti. Al termine della cerimonia, intorno alle 13, ci sarà l’inaugurazione dell’Aula Forum “Gigi Ghirotti” presso il Reparto di Radioterapia dell’Ospedale San Camillo de Lellis.

About Emanuele Bompadre 8223 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.