3 dicembre 2016

Pallacanestro, Serie C Silver, San Nilo Basket Grottaferrata, Tretta: “Con il Pass vittoria fortemente voluta”

Ha iniziato la stagione col piede giusto il San Nilo Basket Grottaferrata. La squadra del presidente Alberto Catanzani ha vinto la prima di campionato in C Silver piegando tra le mura amiche il Pass Roma per 84-78. E’ uno dei nuovi arrivati, il play classe 1989 Marco Tretta, a commentare l’andamento del match. «Non è stata una partita semplice perché il Pass è una squadra “ruvida”, difficile da affrontare e che alla fine farà una buona stagione. Siamo stati anche sotto in più di qualche frangente di partita anche perché non abbiamo avuto delle buone percentuali al tiro, ma la squadra ha vinto la gara con grande voglia e questo è stato sicuramente un segnale importante». Non il primo di questo inizio di stagione che ha visto la squadra dei coach Busti, Catanzani e Apa districarsi bene anche in Coppa Lazio. «Le sensazioni sono positive – conferma Tretta – Si è creato davvero un bel gruppo e c’è grande sintonia sia con lo staff tecnico che con la società. Il club ha allestito un organico sicuramente importante, ma di obiettivi non parlo mai perché i campionati prima si finiscono e poi si commentano.
La società non ci ha messo addosso pressioni anche se sappiamo che dovremo cercare di fare una bella stagione, ma anche questo atteggiamento da parte del San Nilo Basket Grottaferrata non può che metterci nelle migliori condizioni per esprimerci». La formula della C Silver è stata di nuovo modificata rispetto alla scorsa stagione. «Il comitato ha voluto formare due gironi di prima fase per poi fare una seconda parte di stagione che condurrà ai play off: bisognerà fare tre stagioni in una, ma questa è la formula e dobbiamo adattarci». Nel prossimo turno il team di Grottaferrata è atteso dall’insidiosa trasferta contro la Tevere Basket.
«Di fatto è la seconda squadra della Tiber, ma è un gruppo con giovani molto interessanti che sono ben allenati. Hanno battuto la Fox fuori casa nel primo turno, se andassimo con un atteggiamento sbagliato rischieremmo di fare una brutta figura» conclude Tretta.