8 dicembre 2016

Mardi Gras, il parco giochi del futuro

Comunicare con i Mardi Gras è stata una di quelle esperienze importanti,  che,  per chi si occupa di musica scritta e raccontata, o meglio ancora cerca di veicolare messaggi  velocemente tramite i potenti mezzi di comunicazione moderni, non possono mancare e risultano fondamentali.

Una band di sei elementi provenienti da Roma, che affonda le radici nella musica dei songwriters americani, irlandesi e inglesi. Incontrandoli, ho avvertito subito un`energia fortissima data dalla loro fondamentale caratteristica umana di trasmettere il loro messaggio in maniera chiara, diretta, consapevole ed onesta.

PLAYGROUND è  il loro nuovo album, il terzo, un lavoro molto diverso, che si discosta un po` dalle origini della band e dalle sonorità prettamente folk ed acustiche dei lavori precedenti.  Risulta essere pieno di energia positiva, consapevolezza delle capacità e maturità con un`evidente prova di coraggio da parte della band presentando ben 14 brani, molto impegnati, sia dal punto di vista dei testi che della musica. Una sfida che oggi, nell`industria musicale moderna non è molto facile intraprendere.

Si autoproducono, anche in questo lavoro, che sotto l`etichetta  AEREOSTELLA ha avuto un`occasione storica ed emozionante, anche dal punto di vista umano, per i componenti e per il segno evidente che ha stampato nella loro opera: masterizzato presso i mitici Abbey Road Studios di Londra dal grande Simon Gibson!

I Mardi Gras sono presenti da molti anni sulla scena musicale romana e da almeni tre lustri in forma stampata e prodotta,  grazie al suo mentore e fondatore nonchè produttore esecutivo Fabrizio Fontanelli.

Con Playground hanno raggiunto un`identità di suoni che li rende veramente riconoscibili, anche a livello internazionale, un lavoro  dove immediatamente si pone all`attenzione il mixaggio di alta qualità, anche prima degli Abbey Road Studios, che dona al disco una caratteristica sua particolare. Uniscono perfettamente il pop al rock ad eccezionali svisate blues tipiche dei chitarristi sixties, il tutto con molto gusto, legato da armonie ed arrangiamenti di qualità che rendono il disco esportabile nel panorama musicale europeo e non solo.

Un vero “parco giochi”, dove i bambini  aprono alle loro fantasie e scatenano la loro creatività. Questo è stato per i Mardi Gras, hanno giocato con le proprie idee, le hanno mischiate, create con passione e capacità essendo liberi di dire ed agire grazie alla santa autoproduzione, persino nella copertina del disco, dove per puro caso si ritrae un playground londinese, una giostra, un cavalluccio e sullo sfondo delle tombe di un vicinno cimitero. Un`immagine che esprime chiaramente il senso di questo disco ed il messaggio che si legge dentro i 14 brani che lo compongono. Un filo conduttore che li lega, per raccontare dall`inizio alla fine tutto ciò che di positivo e negativo  accade realmente nella vita delle umane genti e tutte le sensazioni che ne conseguono.

Con questo lavoro i Mardi Gras entrano in modo serio in quella industria culturale , di cui la musica fa parte, per mezzo della quale si traducono i propri sogni in prodotto di pubblico consumo. Sperando che si ricominci ad ascoltare musica piuttosto che consumarla velocemente, i Mardi  Gras  meritano questo.

Mirko Brillantina De Rossi
About Mirko Brillantina De Rossi 49 Articoli
Conduttore speaker radiofonico, musicante e suonatore per passione....Ama il rock n roll non solo come genere ma soprattutto come cultura ,stile e tendenza.....Le chitarre americane sono una fissa...ne possiede sempre poche per quante ne vorrebbe!!!