10 dicembre 2016

Rifiuti: un business da oltre 34 miliardi di euro

Rifiuti: un business da oltre 34 miliardi di euro (10 per i rifiuti urbani e 24 per i rifiuti delle attività produttive, speciali), con una spesa procapite nazionale per la gestione RSU di 167,8 euro per abitante.
Il Movimento 5 Stelle ha compiuto il primo studio organico sul costo della gestione dei rifiuti nelle città mettendo a confronto le tariffe pagate da 22 milioni di cittadini e portando alla luce una filiera patologica che vede i rifiuti organici andarsene in giro per il Paese, dalla Campania al Veneto, dal Lazio alla Lombardia.
Eppure la soluzione meno costosa e più sostenibile ci sarebbe, e sarebbe a portata di mano, creando anche posti di lavoro: con piccoli impianti comunali elettromeccanici e con una forte spinta al compostaggio domestico e di comunità, si potrebbe ad esempio creare un quantitativo abbondante di compost prezioso per i campi. La filiera lunga invece deresponsabilizza tutti gli attori.

Secondo lo studio, quando c’è un inceneritore i costi per le utenze domestiche schizzano del del 15%, il 10% in più per l’utenza non domestica. Stiamo parlando di oltre 1 miliardo di euro! E gli incentivi all’incenerimento nel 2015 ci sono costati ben 585 milioni di euro (dati GSE).

Il piano del Governo di realizzare almeno 10 nuovi inceneritori potrebbe portare al collasso economico. Tra l’altro si moltiplicano i casi di outing in cui i gestori degli inceneritori stimano le perdite milionarie: Acerra 46 milioni in 20 anni, Ospitaletto 3 milioni annui.
Un business plan reale degli impianti di recupero energetico da rifiuti allontanerebbe queste pericolose avventure ambientali che non stanno in piedi neppure con incentivi.

Un capitolo a parte merita la gestione dei rifiuti da parte degli enti locali. Ebbene, quando il gestore è privato o misto, il costo per abitante si aggira intorno ai 185 euro in caso di utenza domestica, 1170 per quella non domestica.
Ma cosa succede quando il gestore è pubblico? Cioè quando la società è gestita dal Comune? Il costo per abitante si riduce a 165 euro, 175 per l’utenza domestica, 1090 per la non domestica.

In pratica la gestione pubblica fa risparmiare il 7% alle utenze non domestiche, il 6% per utenza domestica, il 9% per abitante.
Unendo vari fattori, come la gestione pubblica e un bacino adeguato, si arriva al virtuosismo di Contarina, con 111 euro procapite e a Treviso, con risparmi del 62% procapite sulla gestione privata media, dell’11% sull’utenza domestica, del 48% sull’utenza non domestica.

Prendiamo esempio dai nostri vicini: in Germania metà della popolazione si avvale di un sistema di raccolta pubblico, che garantisce un costo procapite di 50 euro a tonnellata. Grazie al “vuoto a rendere” per gli imballaggi in PET, i comuni guadagnano sulla raccolta della carta e non esistono incentivi all’incenerimento dei rifiuti. Invece in Italia le regioni con più inceneritori (Emilia Romagna 8 e Toscana 5) sono quelle con la più elevata produzione di rifiuti, l’Emilia ha solo l’1% di comuni ricicloni: questo vuol dire che la presenza di grandi impianti complessi è legata a doppio filo a una filiera patologica, con un evidente conflitto d’interessi.

Ricordiamo che se la filiera dei rifiuti mirasse al recupero di materia, potrebbe portare a 195mila nuovi posti di lavoro mentre in Italia oggi solo 68mila persone lavorano nel settore. Questa è la vera rivoluzione green… altro che i vuoti e ipotetici green act del governo. Il cambiamento è a portata di mano. E solo il M5S, libero dalle pressioni e dalle lobbies può portarlo a compimento.

di Alberto Zolezzi, M5S, Componente Commissione Ambiente Camera – Commissione di inchiesta sul ciclo dei rifiuti

Fonte: beppegrillo.it

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5996 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.