Venerdì 14 ottobre, Massimo Roscia presenta il suo nuovo libro: “Di grammatica non si muore”

 

Venerdì 14 ottobre, alle ore 18:01 (sì, proprio e zero uno), alla Libreria Feltrinelli, in Via Vittorio Emanuele Orlando, 78-81, a Roma, lo scrittore Massimo Roscia presenterà il suo nuovo libro intitolato “Di grammatica non si muore”, edito da Sperling & Kupfer. Alla presentazione interverrà il giornalista del TG5 Giuseppe De Filippi, che avrà l’ingrato compito di moderare l’eclettico paladino della lingua italiana. Dopo lo straordinario successo del romanzo noir “La strage dei congiuntivi”, pubblicato da Exorma Edizioni nel 2014, amato dal pubblico e dalla critica e divenuto un vero e proprio caso editoriale nazionale, Massimo Roscia torna a occuparsi di violenze su verbi, sostantivi, pronomi, accenti, apostrofi e punteggiatura, ma questa volta lo fa sorridendo e senza uccidere nessuno. “Di grammatica non si muore” è un intelligente manuale, a uso di quelli “che la grammatica l’hanno sempre odiata”, che si legge come un romanzo; un passatempo per ogni età, utile, concreto e spassoso; un libro che segue le regole ma esce dagli schemi, descrive e circoscrive l’uso ma non prescrive, mette in rima le norme ma non mette in riga chi si (e le) applica. Con un piacevole e originalissimo lavoro, Massimo Roscia è riuscito a riabilitare la grammatica, ingenerosamente detestata (perché legata ai terrificanti ricordi di matite rosse e blu, punizioni dietro la lavagna, urla della maestra e polverosi volumi ricolmi di astratti tecnicismi, obblighi, divieti, regole ed eccezioni spesso incomprensibili), restituirle simpatia, onorabilità e reputazione sociale e presentarla per come realmente è: popolare, moderna, dinamica, concreta, utile, divertente, giovane e sexy. Un po’ Rodari e un po’ Flaiano, Roscia passa in rassegna le fondamenta dell’italiano e si diverte a calarle in esempi contemporanei (dai ritmi rap alle serie tv, dai fantasy ai videogame); riprende gli svarioni più comuni (dall’uso maldestro dell’accento all’abuso disinvolto dell’apostrofo) creando giochi promemoria per non essere più indotti in errore; si batte per la salvaguardia delle forme (utili) in estinzione, come il congiuntivo, e invoca il debellamento della pandemia di ciaone e apericena. Sempre all’insegna dell’uso pratico e vivo, perché la lingua è fatta per essere parlata, adattata, modificata, arricchita, cambiata, rivista, aggiornata, corretta, sempre e comunque amata.

Sito web: http://www.sperling.it/di-grammatica-non-si-muore-massimo-roscia

Pagina Facebook: https://www.facebook.com/digrammaticanonsimuore

I video del giorno

Informazioni su Emanuele Bompadre 10486 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.