8 dicembre 2016

Presentazione del libro Ninni, mio padre di Roberto Sapienza a Roma

Venerdì 7 Ottobre alle ore 19, all’APT di Roma, sarà presentato Ninni mio padre, primo libro di Roberto Sapienza scritto in collaborazione con Vittorio De Agrò, autore della raccolta di racconti Amiamoci, nonostante tutto e del romanzo Essere Melvin.

Una chiacchierata attesa per vent’anni recita il sottotitolo: Ninni mio padre rappresenta il lungo e sognato colloquio tra un padre e un figlio. – Ho trascorso diciannove anni a discutere con mio padre, non trovando mai l’opportunità di un chiarimento di fondo. Mi ha lasciato solo a 19 anni, per un male incurabile, con la mia rabbia e domande senza risposte. – scrive l’autore nelle note – Un figlio tende a vedere il padre e raramente l’uomo. Io, a vent’anni dalla sua scomparsa, ho deciso di cercare delle risposte. Per due anni ho intervistato amici, colleghi, ex fidanzate e semplici conoscenze di papà affinché potessero aiutarmi nella mia ricerca di risposte. Ne è uscito fuori un romanzo che non è una semplice biografia, bensì una chiacchierata tra padre e figlio sulla vita e sulla possibilità di conoscersi durante un’unica e fantastica notte. –.

Echi dickensiani nella narrazione in un racconto che è la storia di un uomo e di suo padre, ma anche quella di tutti noi, rappresentando idealmente il rapporto conflittuale che ogni figlio instaura con i propri genitori e la seconda occasione che tutti vorremmo.

Ad accompagnare Roberto Sapienza nella presentazione di Ninni, mio padre, il Professor Guido Vitiello, giornalista, e il Dott. Giovanni Smurra in qualità di moderatore dell’incontro.

Le letture sono a cura degli attori Stella EgittoOrazio Cerino.

Presentazione: Ninni, mio padre

Con l’autore, Roberto Sapienza:

Prof Guido Vitiello (giornalista)

Dott Giovanni Smurra (moderatore)

Letture a cura degli attori: Stella Egitto e Orazio Cerino.

Venerdì 7 ottobre ore 19

APT

Via Clementina 9 (Rione Monti)

Roma
Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.