5 dicembre 2016

Il Napoli scivola a Bergamo

Il Napoli perde con l’Atalanta per 1-0 e deve fare i conti con la prima sconfitta della stagione; è stata la partita che non ti aspettavi: c’erano tutte le premesse per trascorrere una domenica tranquilla da archiviare con una vittoria comoda contro una squadra in leggera difficoltà , continuare il cammino in classifica in scia della capolista Juventus e  gustarsi il dolce sapore di un momento particolarmente felice reso ancor più dorato dalla  recente vittoria  in Champions League contro il Benfica  invece bastano appena dieci minuti di gioco per ritornare bruscamente con i piedi sulla terra: lungo cross dalla sinistra di Gomez , Koulibaly e Ghoulam a centro area si fanno trovare impreparati e spianano un’autostrada direzione goal per Petagna che non ci pensa due volte ad infilare la palla alle spalle di Reina.

Fin qui nulla di particolarmente scandaloso, capita anche  alle squadre blasonate di inciampare in un inizio gara con handicap , del resto mancano più di 80’ al fischio finale e c’è tutto il tempo per rimediare; ma questa prima domenica di Ottobre ha un effetto letargico per molti protagonisti con la casacca azzurra e quella tanto auspicata reazione tarda ad arrivare anzi, con il trascorrere dei minuti, ci si rende maggiormente  conto degli imbarazzi di molti dei giocatori del Napoli odierno: Hamsik  vaga in modo sterile per il campo  collezionando una serie di passaggi sbagliati che non appartengono al suo bagaglio personale, Callejon,  probabilmente con la mente distratta dalla convocazione in nazionale,  sembra giocare con il freno a mano tirato, Jorginho si muove a passettini davanti alla difesa senza mai inventarsi una giocata determinante e così via Insigne, Zielinski, Milik e compagnia bella  che , con le loro prestazioni mediocri, concorrono a rendere un Napoli brutto , senza incisività, praticamente inguardabile. Il risultato che ne consegue è facilmente intuibile : l’Atalanta, aggressiva su tutti i palloni ed in ogni zona del campo, comanda il gioco , sfiora anche il raddoppio colpendo una traversa , si porta a casa una bella vittoria con i partenopei, invece,  che escono dal campo di gioco a testa bassa e pieni di pensieri cattivi.

La sconfitta di ieri , pur essendo solo la prima della stagione , può essere pericolosa per il cammino stagionale del Napoli in primis perché ridà fiato a tutti quei detrattori che per settimane hanno dovuto soffocare il proprio malumore in virtù dei risultati più che eccellenti dei ragazzi di Sarri, secondariamente perché fa riaffiorare in un solo colpo tutti quegli incubi che hanno rovinato i sonni estivi dei tifosi: alle incertezze , alle difficoltà che la squadra incontra lontano dal S.Paolo c’è una Juventus che risponde andando a vincere con autorità su tutti i campi di gioco; l’incubo della cessione di Higain, che sembrava felicemente e velocemente superato dopo  le confortanti prestazioni di Milik, ritorna ad aleggiare  prepotentemente  sulla città da quando l’argentino ha ripreso a segnare con puntuale regolarità anche con la casacca bianconera  mentre il polacco sta  mostrando, invece,  tutti i limiti della sua giovane età.

Le prove di fuga bianconere, oltre a spegnere ogni entusiasmo,  fanno paura e temere un’annata orfana già dall’inizio del sogno scudetto ed è per questo che una sconfitta mal digerita come questa può diventare pericolosa se non metabolizzata e dimenticata in fretta. Occorre quindi girare pagina velocemente ed evitare , tifosi per primi, di rendere sproporzionato quello che potrebbe rivelarsi in futuro solo un piccolo incidente di percorso.