5 dicembre 2016

Michelin, le prestazioni nel tempo dal primo all’ultimo chilometro

La mobilità pulita e la sicurezza stradale sono temi che toccano tutti. A chi insiste affinché i pneumatici siano sostituiti quando la scultura del battistrada raggiunge 3 o 4 mm, Michelin risponde che l’attuale limite legale di 1,6 mm risponde perfettamente alle esigenze della mobilità moderna.

Michelin produce e commercializza pneumatici che offrono al cliente non solo un alto e costante livello di sicurezza, ma anche risparmio di carburante, grazie alla bassa resistenza al rotolamento, e eccellente durata. Questo permette di limitare il consumo di materie prime, diminuire le emissioni di CO2 e utilizzare i pneumatici più a lungo e in sicurezza.

I pneumatici Michelin invernali, come il MICHELIN Pilot Alpin, con le lamelle profonde in 3D, e il MICHELIN CrossClimate, sono pneumatici omologati per l’inverno nei paesi in cui i pneumatici invernali sono obbligatori, e offrono prestazioni elevatissime fino all’ultimo chilometro, cioè fino a un livello di usura del battistrada di 1,6 mm.

Michelin è contraria a un cambiamento della regolamentazione relativa a una profondità minima di scultura dei pneumatici, per tre ragioni:

1-Sicurezza

  • La regolamentazione in vigore, del 1989, prendeva in considerazione le prestazioni dell’epoca. Per quanto riguarda i progressi realizzati nel mondo dei pneumatici, la maggior parte dei modelli attuali offre prestazioni superiori.
  • Oggi, nessuna statistica permette di stabilire la relazione tra un aumento degli incidenti e il fatto che lo spessore del battistrada sia inferiore a 3 o 4 mm.
  • Le distanze di frenata dipendono da diversi elementi. Sistema di frenata, sensori ABS, granulometria del suolo (livello di aderenza), condizioni meteorologiche (umidità e temperatura), pressione dei pneumatici, temperatura della gomma, comportamenti di guida sono tra i tanti criteri che entrano in gioco al di là delle caratteristiche intrinseche del pneumatico.
  • Anche i pneumatici nuovi possono presentare grandi differenze di prestazioni nel campo dell’aderenza in base alla marca, ai produttori, ai modelli e alle misure. Un pneumatico premium con una scultura del battistrada a 1,6 mm può essere più performante di un pneumatico economico “budget”, nuovo o quasi nuovo.
  • In realtà, già i primi chilometri percorsi determinano un’usura. Michelin offre per l’insieme dei suoi pneumatici un alto livello di performance per ogni esigenza fino a uno spessore di scultura del battistrada di 1,6 mm, cioè diversi anni e decine di migliaia di chilometri dopo l’acquisto. 

2-Costo

  • Sostituire i pneumatici quando lo spessore della scultura è 3 o 4 mm costringe a un cambio più frequente, con conseguente aumento di costi per il consumatore. Questo non è accettabile in un’epoca in cui i progressi tecnologici legati al pneumatico, indipendentemente da quelli raggiunti in campo automobilistico, dovrebbero, al contrario, offrire un miglioramento delle prestazioni dei pneumatici.
  • Sostituire un pneumatico a 3 o 4 mm di profondità di scultura invece che a 1,6 mm rappresenta indicativamente un pneumatico in più per vettura ogni due anni – una situazione non proponibile all’automobilista.
  • L’impatto per gli utilizzatori professionali e per le flotte sarebbe altrettanto significativo, con un incremento del TCO (costo totale di gestione). Aumenterebbero le rate mensili associate ai contratti di noleggio e leasing, come i termini dei sempre più diffusi PCP (personal contract purchase) per i privati.

3-Ecologia

  • Fabbricare un pneumatico richiede l’utilizzo di numerosi materiali, ma anche energia. Più materia è utilizzata, maggiore è l’impatto ambientale. Sostituire i pneumatici il più tardi possibile permette di evitare il sovra-consumo di materie prime e di energia.
  • La resistenza al rotolamento, responsabile del 20 % del consumo di carburante delle vetture (motore termico ed elettrico), migliora con l’usura. Sostituire prematuramente i pneumatici comporterebbe un consumo supplementare fino a 900 milioni di litri di carburante l’anno, cioè ulteriori 3 milioni di tonnellate l’anno di emissioni di CO2, l’equivalente di un anno di emissioni di CO2 per una città come Manchester (GB). Questo livello raggiungerebbe i 9 milioni di tonnellate se si aggiungesse la perdita di materia generata dalla sostituzione anticipata dei pneumatici, l’equivalente delle emissioni annuali di CO2 della città di Birmingham, seconda città della Gran Bretagna.
  • Anche il riciclo consuma energia. Più materia si deve riciclare, meno efficaci si è in termini di sostenibilità. Nel parco automobilistico europeo, passare da 1,6 mm a 3 mm corrisponderebbe a oltre 1,5 milioni di tonnellate di materie prime perse annualmente, equivalenti a una richiesta energetica di 290 milioni di tonnellate di petrolio greggio, cioè la produzione annuale di Messico e Venezuela insieme.

NB: La regolamentazione europea, secondo la direttiva 89/459/CEE, recepita in Italia all’interno del Decreto Legislativo N. 285 del 30/04/1992 (Nuovo Codice della Strada) relativo alle caratteristiche e alle condizioni di utilizzo dei pneumatici di automobili e rimorchi, definisce a 1,6 mm la profondità legale minima della scultura dei pneumatici dei veicoli appartenenti alle categorie internazionali M 1 (vetture), N 1 (furgoni) e O1/O2 (rimorchi). È stato considerato, quindi, che questa profondità di scultura del battistrada sia sufficiente per evacuare il velo d’acqua presente su una strada potenzialmente bagnata e offra le condizioni di sicurezza per tutti gli automobilisti, in ogni condizione. 

MICHELIN CrossClimate+

In estate come in inverno, grandi prestazioni che durano nel tempo

Per capire meglio l’impatto dell’introduzione della gamma MICHELIN CrossClimate nel mondo del pneumatico, bisogna risalire a maggio 2015, quando Michelin ha integrato il meglio della tecnologia del pneumatico estivo con quella del pneumatico invernale. MICHELIN CrossClimate è il primo pneumatico estivo con certificazione invernale. Il logo sul fianco, 3PMSF (la montagna a tre cime con un fiocco di neve – 3 Peaks Mountain SnowFlake), indica il superamento di un test regolamentare di prestazioni in condizioni invernali.

Il successo è immediato e MICHELIN CrossClimate è commercializzato in tutti i mercati europei. La gomma integra nuovi elastomeri che offrono grande stabilità delle caratteristiche del pneumatico al variare della temperatura esterna. Che la temperatura superi i 25°C, con l’asfalto ancora più caldo, o scenda al di sotto dei 7°C, il materiale di cui si compone MICHELIN CrossClimate permette di ottimizzare l’aderenza in qualsiasi condizione.

I componenti della gomma rivoluzionaria sviluppata da Michelin permettono al battistrada di conservare un livello di elasticità ottimale indipendentemente dalla temperatura esterna, fornendo una migliore aderenza. Per lo sviluppo di MICHELIN CrossClimate, gli ingegneri Michelin hanno realizzato più di 5 milioni di test in una gamma di temperatura che va da -30°C a +40°C. MICHELIN CrossClimate si classifica 1o ex-aequo nel test ADAC 2016 i cui risultati sono stati pubblicati il 22 settembre: paragonato ai pneumatici All Season, conferma il suo posizionamento di pneumatico estivo certificato per l’utilizzo invernale. Si distingue principalmente per le sue prestazioni su suolo asciutto e bagnato, per il risparmio di carburante e la durata (Test pneumatici ADAC 2016 – All Season dimensione 205/55R16 V).

Il pneumatico MICHELIN CrossClimate+: ancora più performante

In febbraio 2017, Michelin lancerà sul mercato MICHELIN Crossclimate+, che continuerà ad integrare il meglio delle tecnologie del pneumatico estivo e di quello invernale e a offrire prestazioni costanti nel tempo. Le prestazioni di tutti i pneumatici cambiano in funzione dei chilometri percorsi. Se alcuni elementi possono migliorare, come la resistenza al rotolamento, altri possono peggiorare con il tempo, come l’aderenza su suolo bagnato o innevato. Il pneumatico MICHELIN CrossClimate+ conferma le proprie prestazioni sull’asciutto e il suo posizionamento di pneumatico premium estivo. Dimostra inoltre di offrire un eccellente livello di motricità su suolo innevato dal primo all’ultimo chilometro.

In inverno e soprattutto su suolo innevato, chi guida con pneumatici MICHELIN CrossClimate+ raggiungerà la destinazione senza problemi. Da nuovo, la motricità che offre su suolo innevato è paragonabile a quella dei principali concorrenti. Chilometro dopo chilometro, la sua performance cambia poco, mentre quella dei concorrenti premium A/S scende in modo significativo, come illustrato nel grafico che segue.

(Test di accelerazione su neve realizzati da TestWorld in luglio 2016 con un pneumatico di dimensioni 205/55R16 su una VW Golf 7, paragonando MICHELIN CrossClimate+ con 2 concorrenti premium All Season).

Per Michelin, l’innovazione è finalizzata a offrire le migliori prestazioni dal primo all’ultimo chilometro. Il nuovo pneumatico MICHELIN CrossClimate+ è la dimostrazione della leadership tecnologica del Gruppo. Chi sceglie MICHELIN CrossClimate+ avrà a disposizione tutta la durata dei pneumatici MICHELIN e un’elevata mobilità su suolo innevato dal primo all’ultimo chilometro, senza essere costretto a sostituire prematuramente i propri pneumatici.

MICHELIN CrossClimate+ a servizio di tutti gli automobilisti

Sono numerosi gli automobilisti che non hanno la possibilità (logistica, finanziaria) o semplicemente la volontà di sostituire i pneumatici due volte l’anno, soprattutto nelle regioni dove la neve e il freddo non restano a lungo o non sono presenti ogni anno. In realtà, 65% degli automobilisti europei utilizza sempre pneumatici estivi, senza rendersi conto del contributo in termini di sicurezza che possono fornire i pneumatici adatti alla stagione fredda. Altri, sensibili a questa tematica o obbligati per legge, sostituiscono in genere i pneumatici estivi con quelli invernali in autunno, e fanno l’operazione inversa all’arrivo della primavera. Le domande che l’automobilista si pone sono sempre le stesse:

  • è davvero il momento giusto per la sostituzione?
  • i miei pneumatici invernali saranno ancora performanti per tutta la stagione invernale?

In quest’ottica, scegliere pneumatici MICHELIN CrossClimate+ diventa “la” soluzione. Da un lato, MICHELIN CrossClimate+ risponde alle esigenze degli automobilisti che tengono alla sicurezza del pneumatico estivo (aderenza in curva, distanza di frenata su suolo asciutto o bagnato, piacere di guida, precisione nella tenuta di strada), dall’altro offre prestazioni simili a quelle dei pneumatici invernali su strade bagnate, fredde o innevate.

Il pneumatico MICHELIN CrossClimate+ è in grado di affrontare una salita innevata sulla quale una vettura equipaggiata con pneumatici estivi slitterebbe inevitabilmente. Il nuovo MICHELIN CrossClimate+ risponde non solo a queste esigenze, ma offre anche prestazioni di alto livello su strada asciutta e con una temperatura esterna superiore a 7°C, dove un pneumatico invernale si dimostra sempre meno efficace a mano a mano che la temperatura sale e il battistrada si usura.

Grazie al nuovo MICHELIN CrossClimate+, i pneumatici marcati 3PMSF sono accessibili e utilizzabili da tutti gli automobilisti, in ogni condizione meteorologica, e possono equipaggiare la vettura tutto l’anno. Inoltre, MICHELIN CrossClimate+ offre prestazioni costanti nel tempo, dal primo all’ultimo chilometro.

Le caratteristiche del nuovo MICHELIN CrossClimate+ dimostrano l’infondatezza dell’obsolescenza programmata, che prevede la sostituzione dei pneumatici a 4 mm di profondità di scultura, e soddisfano la richiesta di prestazioni durevoli espressa dal consumatore.

About Emanuele Bompadre 8223 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.