8 dicembre 2016

Frosinone, Scaccia: “PD di Frosinone allo sbando e senza primarie”

 

Una volta la sinistra italiana era quella della democrazia e del confronto, quella illuminata di Berlinguer che si apriva alla società civile e faceva anche a meno dei pacchetti di tessere, spesso finte ed altre volte pagate dai soliti gruppi industriali – ha dichiarato Giuseppe Scaccia, consigliere comunale di Frosinone e segretario cittadino di Forza Italia – Adesso, a Frosinone, alcuni referenti della sezione del Pd si scagliano contro le Primarie per la città, Primarie libere, aperte a tutti, lanciate da Nicola Ottaviani. Evidentemente continuano a dimostrare la miopia del loro pensiero (anche se “pensiero” è una parola grossa) politico, abituato solo ad offendere e ghettizzare gli avversari. Evidentemente, dimenticano che fu proprio Nicola Ottaviani, quattro anni fa, quando ancora non era sindaco, a introdurre per la prima volta a Frosinone le primarie per le elezioni comunali, mentre il Pd preferiva portare avanti le solite guerre interne che fanno parte del quotidiano di questo partito. Se ogni tanto, anziché giocare ai soldatini o al risiko sulla pelle e sull’intelligenza della gente, tirassero fuori dalla cassapanca il vecchio libro di storia delle elementari, forse ancora incellophanato, scoprirebbero che le primarie sono state inventate verso la metà dell’Ottocento, negli Stati Uniti, in quella che ancora oggi è la più grande democrazia mondiale, con tutto il rispetto per la sezione locale del Pd dove i numeri sono quelli che sono. Per chiarezza, posso aggiungere che Forza Italia ha sempre manifestato a Nicola Ottaviani la non indispensabilità delle primarie, specialmente per un sindaco uscente come lui che, in appena quattro anni, senza finanziamenti pubblici, ha riqualificato l’intera città, dai lavori pubblici, alla cultura, passando per le grandi innovazioni nella qualità della vita che tutti gli riconoscono. Ma Nicola Ottaviani è fatto così e forse la sua forza è proprio quella di essere rimasto un anticonformista, in grado di costruire per la collettività. Se questa è la sua scelta, noi comunque lo sosterremo”.

About Samantha Lombardi 4028 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it