6 dicembre 2016

Calcio, I° Categoria, Colle di Fuori, buona la prima. Emanuele Romei: “Contento per gol e tre punti”

Un esordio d’acciaio. Il Colle di Fuori sbanca il difficile campo del Castelverde (allenato dall’ex allenatore rossoblu Domenico Tripodi) nella prima giornata del campionato di Prima categoria. I ragazzi del neo tecnico Tiziano Giovannelli si sono imposti di misura grazie ad un gol di Emanuele Romei attorno al quarto d’ora della ripresa.
«Sapevamo che questa sarebbe stata una partita difficile – spiega l’attaccante classe 1988 – perché il Castelverde è una squadra ostica, soprattutto sul suo campo. Abbiamo giocato un’ottima prima ora di gara, poi nel finale siamo calati, ma la squadra ha messo comunque in mostra un grande spirito di sacrificio considerando pure che ci mancava gente come Sgrulloni e Ristori». Nel finale il Colle di Fuori ha difeso il risultato nonostante il rosso a Pinori (doppia ammonizione) e con Guidi in preda ai crampi. «Tre punti davvero molto pesanti che aumentano il nostro entusiasmo in vista del resto della stagione – spiega ancora Romei – Ovviamente sono felicissimo per il mio gol, a maggior ragione perché è valso una vittoria. Tra l’altro nel primo tempo il portiere avversario mi aveva negato la marcatura e ci tenevo a riscattarmi».
La prima “mitraglia” (stante l’esultanza ormai tipica dell’attaccante ex Gioc Cocciano Frascati) è andata, ora il bomber non vede l’ora di ripetersi tra le mura amiche. «So poco dell’Atletico Genazzano che sarà l’avversario di domenica prossima – dice Romei -, ma indubbiamente abbiamo voglia di dare continuità al risultato di domenica. Il campo in terra? Dovremo adattarci velocemente a giocare lì sopra, finora abbiamo fatto solo qualche amichevole in famiglia». Sull’obiettivo stagione della squadra castellana, Romei è abbastanza chiaro. «La società non ci ha dato grandi pressioni, se non quella di fare meglio dello scorso anno e di fare un campionato dignitoso. Ma conoscendo il valore di questo gruppo credo che si possa ambire ad un posto tra le prime cinque».