5 dicembre 2016

Antrodoco, intitolata a Piero Taruffi la curva restaurata dello storico circuito della Mille Miglia

Ha visto transitare campioni storici del calibro di Ascari, Villoresi, Fangio, Moss e Taruffi. E dopo i lavori di riqualificazione dell’area realizzati da Anas nel 2013, la mitica curva parabolica della “Mille Miglia”, al km 1,100 della strada statale 17 “dell’Appennino Abruzzese”, nel comune di Antrodoco, sarà intitolata proprio a Piero Taruffi, campione e vincitore dell’ultima edizione della storica corsa, nel 1957.

L’iniziativa, promossa da Anas, Comune di Antrodoco e Automotoclub Storico Italiano, si svolgerà domattina alla presenza – tra gli altri – di Sandro Grassi, Sindaco di Antrodoco; Prisca Taruffi, giornalista, pilota e figlia di Piero Taruffi; Fernando Felli, giornalista ideatore della manifestazione; Lelio Russo, Capo Compartimento Anas per il Lazio.

La strada statale 17, gestita dall’allora “Azienda Nazionale Autonoma delle Strade” e tutt’oggi in gestione ad Anas SpA, è stata protagonista di nove edizioni della gara Mille Miglia, dal 1949 al 1957. Lungo il tracciato originale è rimasta completamente intatta proprio la curva al km 1,100, con una fisionomia familiare agli appassionati di automobilismo per la sua forma parabolica e per la pavimentazione tipica degli anni Cinquanta, realizzata in porfido all’interno e cemento nella corsia esterna. I lavori di riqualificazione dell’area, eseguiti da Anas, hanno riguardato la sistemazione delle aiuole spartitraffico e di un tratto in rettilineo in prossimità della curva, oltre all’installazione di un cartello informativo sulla storia della Mille Miglia e di una targa commemorativa che ne riporta il logo storico.

L’iniziativa testimonia il nuovo approccio di Anas, impegnata – da un lato – nella salvaguardia del suo patrimonio storico, come sta accadendo anche per le Case Cantoniere, oggetto di un progetto pilota per la valorizzazione turistico-culturale e – dall’altro – nella modernizzazione delle infrastrutture stradali, implementandole con le moderne tecnologie per aumentare il livello di servizio e la sicurezza della circolazione: basti pensare alle nuove barriere “salvamotociclisti”, al piano di implementazione degli impianti tecnologici e al progetto #smartroad, un progetto ad alto contenuto innovativo tra i primi al mondo nel settore stradale, in previsione anche delle auto senza conducente. Quest’ultimo è già in corso sulla A3 Salerno-Reggio Calabria, con l’obiettivo è di estendere il progetto ad ulteriori 1500 km di strade e autostrade Anas.

About Emanuele Bompadre 8226 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.