8 dicembre 2016

“Il Ritorno dei Pupazzi” di Antonio Tammaro verrà presentato domenica 2 ottobre a Scampia

Quante sofferenze, quante imcomprensioni e quante guerre si potrebbero evitare soltanto fermandosi a conoscere ed apprezzare altri mondi e culture. Una realtà che il nostro mondo ha dimenticato, ma resta viva nei più piccoli: i bambini giocano e scherzano senza chiedersi da quale nazione arriva il loro compagno o in quale religione creda. E’ questo “potere” dei piccoli che guida “Il Ritorno dei Pupazzi”, la favola\romanzo di formazione scritta da Antonio Tammaro, illustrata da Manuela Marazzi e pubblicato dalla Marotta&Cafiero editori, di Scampia.

E’ la storia di un’amicizia, dove il confronto con la diversità diventa occasione per incontrare altre risorse, altri diritti, in cui protagonisti hanno gli stessi desideri, che siano essi Rom o Gagé, perché tutti i bambini hanno diritto a vivere la loro adolescenza. Un giorno in un villaggio della terra delle sibille si verifica la scomparsa dei cartoni animati. Un gruppo di bambini formati da Maira una bambina del luogo, Yassin un suo compagno di classe di origine marocchine, Cristina e Violetta due sorelle di etnia rom, cercheranno di rimediare a questa ingiustizia. In questa difficile impresa incontreranno vari personaggi che gli saranno d’aiuto. Più storie in una sola favola che si rincorrono nello scenario dei Campi Flegrei, terra conosciuta e amata dall’autore, ricca, nella realtà, di magia e contraddizioni, sfide da superare e diritti da tutelare.

Il messaggio dell’opera è chiaro: per affrontare i problemi bisogna imparare a comprendere l’altro con la sua cultura e le sue tradizioni, imparando a convivere e collaborare insieme contro ogni avversità. Non c’è luogo migliore per presentare un libro dal messaggio così forte, se non il Chikù di Scampia, il ristorante di cucina italo-rom in viale della Resistenza. La presentazione ufficiale si terrà al locale domenica 2 ottobre, alle ore 18:00. All’incontro parteciperanno anche l’autore, l’editore Rosario Esposito La Rossa e Mirella La Magna, fondatrice, insieme al marito Felice Pignataro, il centro di aggregazione culturale “Gridas”.

Fonte: ferrari.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.