6 dicembre 2016

I docenti dell’accademia professionale Stap Brancaccio

Il teatro è uno strumento terribile e magnifico che da sempre l’essere umano utilizza per divertirsi, spiegare e spiegarsi. Non è, come spesso si è detto troppo sbrigativamente, “lo specchio del mondo”. Il teatro è il mondo. Il teatro rappresenta come siamo, come potremmo o come ci vergogniamo di essere. Per far questo alcuni artisti, scrittori, registi o attori, da migliaia di anni si battono per realizzare quello che gli spettatori riescono solo a immaginare, finché non vi assistono: raccontare una storia che cambierà la vita di qualcuno dei presenti, in un tempo prefissato, in uno spazio condiviso

(Lorenzo Gioielli) 

Alberto Bellandi – movimento scenico

Il training è la fase preparatoria dell’attore in vista del proprio mestiere, è il mezzo per controllare il proprio corpo e dirigerlo con sicurezza all’interno dell’azione scenica. Il training di movimento scenico si occupa in modo specifico della parte visibile dell’attore, di quello che l’attore disegna nello spazio attraverso il movimento del corpo.

Annalisa Canfora – tecnica vocale e dizione
A partire da una combinazione di tecnica inglese e tradizione italiana sviluppiamo un percorso di conoscenza dell’apparato vocale di base in cui respiro, proiezione e tecnica articolatoria concorrono insieme a costruire l’apparato vocale dell’attore. 

Virginia Franchi – regia

Regia come rapporto tra parola, corpo e spazio. Il percorso proposto non si pone l’obiettivo di trasmettere una data tecnica di messinscena, piuttosto di indagare e comprendere la libertà e le possibilità di immaginare e creare la scena come narratori a servizio di una storia e del pubblico che l’ascolta.   Affronteremo un percorso che cerca la sintesi poetica di ciascun allievo e lo faremo attraverso diversi strumenti: la letteratura, l’immagine, il suono, l’arte, la musica, per arrivare alla creazione di opere sempre più strutturate che esprimano la particolarità dei loro allievi-autori.

Katia Ippaso – drammaturgia

Una Drammaturgia intesa come composizione. Un corso finalizzato prima di tutto all’Ascolto del materiale umano prodotto dalla stessa classe, e poi alla scomposizione e alla ricomposizione di materiali eterogenei provenienti dalla letteratura, dal cinema, dal teatro, e dalla vita stessa. Il fine è la creazione di un’opera di grandi o piccoli dimensioni che si sincronizzi con la teoria della Natura non Indifferente di Ejzenstejn: organicità e immaginazione al lavoro. Principi che non provengono direttamente dal teatro ma che possono fare la differenza tra un’opera d’arte teatrale dotata di vita e un puro esercizio di stile. 

Rosa Masciopinto – improvvisazione

L’improvvisazione – ovvero l’allenamento alla comunicazione in tempo reale, in termini di creazione e rappresentazione – permette al singolo e a un gruppo di sperimentare il racconto, l’imitazione, l’interpretazione, l’invenzione. Chi la pratica si trova necessariamente ad affrontare i propri limiti caratteriali, ma può disporsi a superarli o trasformarli o almeno ad accettarli, nell’ ineluttabile confronto con la paura connaturata all’ esposizione di sé.

Andrea Porcheddu – storia del teatro contemporaneo

Un percorso biennale che affronta, in una prospettiva critica, gli snodi e le tappe fondamentali della storia del teatro internazionale. Focalizzato, per il primo anno, su una lettura prospettica degli elementi fondamentali della Tragedia, della Commedia e del Dramma, il corso porta gli allievi a una percezione delle conseguenze contemporanee della tradizione teatrale occidentale e orientale. In particolare poi, dal secondo anno, i temi di analisi vertono maggiormente sulla scena italiana ed europea dal dopoguerra ad oggi, con un percorso di approfondimento sulle tendenze e gli stili del teatro del nostro tempo.