8 dicembre 2016

Sanità: Idv: “Grave riclassificazione pillola anticoncezionale”

“La recente riclassificazione in fascia C degli ultimi anticoncezionali orali che ancora erano a carico del Servizio Sanitario nazionale è una scelta grave, che provoca un danno a molte donne ed è cartina di tornasole di un preoccupante arretramento culturale”.

Lo dice Ignazio Messina, segretario nazionale dell’Idv prendendo spunto dalle recenti denunce dei medici dell’associazione “no grazie pago io”.

“Da un lato la pessima campagna sul Fertility day – ha osservato il leader idv –. Dall’altro questo provvedimento che da circa due mesi declassifica, nel nome di una presunta razionalizzazione, le ultime pillole anticoncezionali che si trovavano dalla fascia A e che ora sono in fascia C, e dunque diventano a carico del cittadino. A pensar bene, al ministero della Salute regnano confusione e superficialità; a pensar male, siamo in presenza di una precisa strategia dal sapore oscurantista, nonché di una intollerabile dipendenza dai desiderata delle multinazionali del farmaco”.

“Il risultato, in ogni caso, ricade sulle donne, che ora devono pagare di tasca propria. Ma questa non è razionalizzazione: è compressione di un diritto, quello alla libertà, e quindi chiediamo che questo provvedimento sia ritirato”.