8 dicembre 2016

E’ festa nel weekend con il tartufo di Canterano e la porchetta di Poggio Bustone

Dagli Antichi Romani ai giorni nostri, Canterano celebra il tartufo “re” delle tavole. L’appuntamento è fissato per l’1 e il 2 ottobre nel piccolo paese in provincia di Roma, che festeggia per un intero fine settimana uno dei prodotti più ricercati di tutto lo Stivale: il tartufo che, per il suo profumo inconfondibile che racchiude tutti gli aromi dei boschi nei quali cresce, ha sedotto gli amanti della buona tavola sin dai tempi degli abitanti dell’Urbe. Gli stand gastronomici saranno aperti sabato a cena e la domenica a pranzo e il tartufo nero pregiato e il tartufo scorzone, tutti rigorosamente locali e raccolti nei boschi che circondano questo piccolo gioiello incastonato sotto gli Appennini, esalteranno il sapore della pasta all’uovo fatta in casa, delle bruschette e delle uova; e se il corposo vino rosso della zona scorrerà a fiumi, gli spettacoli di musica popolare dal vivo contribuiranno a creare quel clima di festa che solo nei piccoli borghi si riesce ancora a respirare. Canterano, che sorge tra la riva sinistra dell’Aniene e in prossimità delle pendici dei monti Ruffi, è   infatti un luogo dal fascino magico abitato da meno di 400 persone, dove il tempo sembra essersi fermato.

Sarà invece un appuntamento immancabile per tutti gli amanti della porchetta, quello in programma domenica 2 ottobre a Poggio Bustone,paese in provincia di Reti famoso per aver dato i natali al grande Lucio Battisti. Non tutti lo sanno, ma questo prelibato piatto a base di carne di maiale non è una prerogativa della zona dei Castelli Romani; anzi, da queste parti la porchetta viene preparata seguendo una ricetta particolare tramandata di generazione in generazione: il calore del forno non viene distribuito in maniera uniforme, il finocchio non viene utilizzato e grande attenzione viene data all’equilibrio dei sapori tra pepe macinato, aglio, rosmarino e sale; il risultato è un’autentica delizia da gustare insieme ad altre perle della gastronomia locale tra musiche, sfilate in costume e spettacoli pirotecnici che animeranno l’intera giornata. E se “I giardini di marzo si vestono di nuovi colori”, come cantava il compianto cantautore, quegli stessi luoghi si riempiranno anche di profumi e sapori unici per una giornata all’insegna delle tradizioni di una volta.

A cura di www.fuoriporta.org