4 dicembre 2016

Roma, concorso nazionale “Che impresa ragazzi!”: premiati i migliori Business Plan

Idee e innovazione con CHE IMPRESA RAGAZZI! A Roma sfida finale tra 8 classi delle scuole superiori per contendersi il premio per il miglior business plan realizzato in ambito scolastico: prime ex aequo la classe 3G del Liceo Avogadro di Roma e la classe 3A dell’Istituto Gonzaga di Milano

Al terzo posto la classe 3° del Liceo F. Jarach di Milano supportata da The Global Thinking Foundation
Roma 27 settembre 2016 – Studenti in gara a colpi di Business plan: già sui banchi di scuola si può sviluppare un’impresa di successo. Questi i requisiti fondamentali che hanno consentito alle 8 classi finaliste di accedere alla selezione nazionale del concorso “CHE IMPRESA; RAGAZZI!”, promosso dalla Fondazione per l’Educazione Finanziaria e al Risparmio, al quale hanno partecipato quest’anno numerosi progetti.

La nona edizione del concorso ha visto trionfare ex aequo la classe 3G del Liceo Avogadro di Roma, supportata da BNL Gruppo BNP-Paribas e la classe 3A dell’Istituto Gonzaga di Milano, supportata da Ubi – Banca Popolare Commercio e Industria.

Il lavoro dei ragazzi del Liceo Avogadro, dal titolo “The SCIENCE (c)LAB”, si propone di offrire alle scuole primarie del municipio II di Roma “pacchetti didattici” a contenuto scientifico inclusivi di materiale didattico e di ore di docenza. Gli allievi del secondo biennio offrono le loro competenze in ambito scientifico alle scuole primarie del municipio II di Roma le quali potranno ampliare la propria offerta formativa avvalendosi dei pacchetti didattici inclusivi di ore di docenza e materiale didattico appositamente ideato per lezioni di tipo laboratoriale.

Il progetto “Farmacall”, presentato dagli studenti del Liceo Gonzaga di Milano, vuole essere un aiuto per quelle persone che hanno difficoltà a recarsi in farmacia o a trovarne una aperta in una determinata fascia oraria. Attraverso lo sviluppo di una applicazione per smartphone, un utente può accertarsi della disponibilità di un farmaco nella farmacia più vicina, in modo da ridurre i tempi di ricerca di un medicinale che, a volte, sono molto lunghi. In un secondo momento, con il consolidamento del servizio, si prevede di fornire anche la consegna a domicilio dei farmaci.

Al terzo posto “Found it!”, proposto dalla classe 3° del Liceo Jarach di Milano, supportato da The Global Thinking Foundation. Found It! è una app rivolta ai clienti dei supermercati che consente di fare la spesa in modo semplice e veloce, grazie ad una mappa degli scaffali in cui si trova il prodotto e ad una serie di informazioni ad esso riferite, quali: data di scadenza, provenienza , qualità e una possibile recensione di esso. L’app lavora con tutti e tre i soggetti del commercio: il produttore, il distributore ed il compratore. Questo fa sì che tutti possano guadagnarci qualcosa: dalla pubblicità del proprio prodotto alla possibilità del consumatore di saperne di più su cosa compra.

Durante le lezioni del percorso didattico “L’impronta economica Teens”, seguito ad oggi da oltre 53.000 studenti, i ragazzi hanno, con l’aiuto degli esperti di banca, affrontato i diversi aspetti dell’economia: dalla globalizzazione alla finanza personale; dal rapporto con la banca agli strumenti per gestire il denaro. E poi la gestione dei rischi, la pianificazione del budget famigliare, il risparmio, l’indebitamento, la previdenza, la legalità. Tutti aspetti di una stessa medaglia, coniugati in relazione alle abilità e alle competenze che i giovani devono acquisire per divenire cittadini consapevoli e informati.

Un’attenzione particolare è riservata allo sviluppo del capitale umano quale strumento di investimento sul proprio futuro economico e alla capacità di guardare al lavoro con una mentalità imprenditoriale. L’esercizio è proprio quello di sviluppare, con l’aiuto di un esperto di banca, un progetto socialmente utile per il territorio e realmente sostenibile anche dal punto di vista economico. Quest’ultimo aspetto è particolarmente importante poiché consente agli studenti di acquisire informazioni dirette su come funzionano le logiche del credito e la sua erogazione e come costruire un progetto d’impresa sostenibile e valutabile da una banca.