7 dicembre 2016

Omicidio Di Pietrantonio, l’avv. Gentile: “E’ stato un omicidio premeditato. Chiederemo aggravante”

 

“Siamo convinti di essere di fronte ad un omicidio premeditato. Sarà una battaglia che combatteremo unitamente agli investigatori”. Queste le dichiarazione dell’avvocato Nicodemo Gentile, legale rappresentante di Alberto Di Pietrantonio, padre della 22enne uccisa lo scorso 29 maggio dall’ex fidanzato Vincenzo Paduano, rilasciate durante la trasmissione “Legge o Giustizia”, condotta da Matteo Torrioli su Radio Cusano Campus, la radio dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

L’aggravante della premeditazione, ha spiegato Gentile, “è stata esclusa dal gip che ha messo in carcere Vincenzo Paduano. Noi non siamo convinti di ciò e faremo di tutto affinché l’indagine porti ad un rivisitazione di questa aggravante. Non è usuale che un soggetto cammini per strada con una bottiglia di alcol in macchina. Il soggetto aveva già in testa di dar fuoco alla macchina, probabilmente con la ragazza dentro. Vincenzo Paduano non si è mosso d’impeto. Aveva infatti lasciato il telefonino a lavoro per non farsi localizzare. Nel suo progetto inziale c’era l’intenzione di farla franca. Siamo di fronte ad un omicidio di rara ferocia, ad un inseguitore ossessivo: la seguiva in modo febbrile, pedinandola a più riprese. La gelosia può far diventare le persone dei freddi seminatori di morte”. Gentile ha rincarato la dose ricordando che “la morte di Sara è stata atroce. Paduano sta cercando di salvare il salvabile, cambiando più volte versione dei fatti. In un momento ha detto che non voleva uccidere la ragazza quando, in realtà, l’ha bruciata. L’esame autoptico ci ha dato un ulteriore dolore. Paduano, dopo la morte della ragazza, ha cercato di distruggere il cadavere con le fiamme. È un caso raro. Un accanimento post mortem così crudele non lo avevo mai visto”. Quindi ergastolo senza sconti per Paduano? “La pena giusta sarà quella prevista dal nostro ordinamento. L’aggravante della premeditazione, qualora venisse accertata, condurrebbe inevitabilmente all’ergastolo. Non c’è bisogno di vendetta o pena esemplare. Il nostro ordinamento contiene la giusta risposta per crimini di questa portata. Non mi lascio andare a populismi di deriva penale. Anzi, c’è un’indagine in corso e ringrazio gli inquirenti che stanno lavorando sotto traccia”.

 

AUDIO http://www.radiocusanocampus.it/podcasts/10261.mp3

Fonte Radio Cusano Campus

About Samantha Lombardi 4027 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it