11 dicembre 2016

Champions League, Sarri: “Affrontiamo un avversario forte, ma penseremo a giocare alla nostra maniera”

“Il Benfica è tra i Club più forti d’Europa, sarà una sfida molto difficile ma anche di grande fascino”. Maurizio Sarri presenta così il match di domani al San Paolo che ha una grande valenza anche in chiave di prestigio oltre che nell’ottica della classifica del girone.

Siamo pronti e consapevoli che ci aspetta una partita di alto livello, affrontiamo la quarta testa de serie della Champions League e questo la dice tutta sul valore del Benfica. Hanno tantissima tecnica, amano la gestione della palla e posseggono grandissima organizzazione. Inutile guardare le loro enormi doti, noi dobbiamo concentrarci sulle nostre potenzialità e cercare di esprimerle al massimo“.

Napoli che cercherà di comadare il gioco: “Certo, questo è il nostro obiettivo sempre, poi bisognerà vedere se ci riusciremo. Però la nostra mentalità è quella e voglio vederla anche in Europa oltre che in campionato“.

Sarà anche una sfida di possesso palla? “Sì, il calcio portoghese in genarale esprime molto possesso ed in questo ambito il Benfica è una eccellenza. Conducono il gioco da dietro, impostano con i due difensori centrali ed hanno grandi talenti in avanti con palleggiatori di livello elevato. Noi vogliamo cercare di condurre il gioco e ci proveremo, poi dovremo essere bravi ad adattarci anche alle contingenze della gara“.

Si aspetta la spinta del San Paolo? “Quello sempre, il pubblico può essere un nostro alleato, ma non credo ci sia bisogno di dirlo perchè domani ci daranno certamente una grande mano“.

Personalmente cosa proverà a giocare la sua prima partita di Champions al San Paolo? “A dire la verità io alla vigilia di ogni partita sono sempre eccitato, anche se si tratta di una amichevole. Credo che avrò la stessa adrenalina anche domani, ma chiaramente si tratta di gare che possono dare sensazioni straordinarie“.

Fonte:sscnapoli.it

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 6000 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.