4 dicembre 2016

Taglio del nastro per la mostra nazionale “Patchwork a Bomarzo”

 

Ultimi preparativi in corso a Palazzo Orsini per la mostra nazionale “Patchwork a Bomarzo”che aprirà i battenti venerdì  30 settembre e rimarrà aperta, con ingresso libero, fino a domenica  2 ottobre.

Ben 130 saranno le opere di quilt e patchwork che saranno ospitate nelle prestigiose sale, per un appuntamento con la creatività che torna per il settimo anno consecutivo.

L’evento nazionale è organizzato dall’associazione culturale Ago & Filo di N.O.E. (Noi Organizziamo Eventi) in collaborazione con  “Bomarte”, Proloco e Comune di Bomarzo ed ha il patrocinio della Quilt Italia (Associazione Nazionale di Patchwork e Quilting).

La finalità è quella di divulgare e condividere forme di arte tessile, ma non solo.

Infatti, nel calendario della manifestazione che riunisce lavori provenienti da tutt’Italia, dal Lazio alla Sardegna, dal Veneto al Friuli Venezia Giulia, sono state inserite un gran numero di attività.

Ben diciassette sono i differenti corsi rivolti sia a chi vuole imparare, sia a chi intende migliorare la propria tecnica oppure a coloro che sono semplicemente incuriositi dal mondo del Patchwork e vorrebbero  conoscerlo meglio.

I laboratori previsti sono indirizzati ad una grande varietà di utenti: agli adulti per tramandare tecniche che altrimenti andrebbero perdute ma soprattutto ai bambini con l’intenzione di sviluppare la loro innata manualità.

L’obiettivo principale è, in definitiva, quello di promuovere e diffondere la passione e la conoscenza del Patchwork e del Quilting, un’antichissima tecnica di cucito nata nei secoli scorsi presso i pionieri americani.

In Italia, l’arte di cucire insieme le pezze, a partire dalla metà degli anni Novanta, ha assistito ad un vero e proprio boom, conquistando un numero sempre crescente di appassionati ed estimatori.

Da sottolineare un elemento di particolare pregio all’interno dell’edizione 2016 di “Patchwork a Bomarzo”, ovvero la collezione dei “Tarocchi”,  una raccolta di ragguardevole importanza eseguita dal gruppo Quiltomanti (capitanati da Simone Forlani) composta da ventidue lavori raffiguranti ciascuno gli Arcani Maggiori del mazzo dei tarocchi.

Del resto, la magia e il mistero sono proprio il tema conduttore della rassegna di quest’anno che prevede anche un concorso a premi dal titolo “Misteri e Incantesimi” che premierà  il lavoro più votato dal pubblico.

Ulteriore novità sono le tantissime possibilità offerte ai visitatori: si potrà lavorare a maglia, sia con i ferri che con l’uncinetto, dipingere su tessuto ed infine realizzare deliziosi oggetti mediante l’uso della ceramica fredda.

Un’attenzione particolare è stata poi dedicata ai bambini che avranno a disposizione pezzi di tessuto per realizzare piccoli oggetti dettati dalla fantasia.

Al termine dell’evento ci sarà, infine, l’estrazione di sottoscrizione a premi con lo scopo di ricordare i meno fortunati: una parte della vendita dei biglietti sarà infatti devoluta per la ricostruzione post terremoto di Amatrice e Pescara del Tronto.

Appuntamento venerdì 30 settembre a Bomarzo: il taglio del nastro alla presenza delle autorità aprirà una maratona di tre giorni all’insegna dell’arte e della creatività.

Per info: corsibomarzo2016@gmail.com, Fb: Bomarzopatchwork