4 dicembre 2016

Referendum Canton Ticino, Salvini: “Non mi stupisce che gli svizzeri dicano prima gli svizzeri”

Matteo Salvini, leader della Lega Nord, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

In merito al referendum nel Canton Ticino in cui gli elettori svizzeri hanno detto sì ai limiti per i lavoratori frontalieri. “Non mi stupisco che in un momento di crisi come questo, gli svizzeri dicono prima gli svizzeri così come gli austriaci dicano prima gli austriaci –ha affermato Salvini-. Mi stupisce che in Italia abbiamo governi che non fanno gli interessi degli italiani. Noi invece diciamo prima gli scafisti. Sfido chiunque a dire, a parità di qualifiche, se un posto di lavoro lo dai a un cittadino svizzero o a un altro cittadino di qualche altro paese del mondo. Se in Italia facessero un referendum se dare case popolari prima agli italiani o prima agli svizzeri cosa risponderebbero? E’ bello che i cittadini parlino, invece in Italia i cittadini non possono esprimersi. I frontalieri italiani non avranno problemi perché quella italiana è un’immigrazione altamente qualificata, non è l’immigrazione di basso livello che subiamo noi. Noi allontaniamo i nostri migliori e li costringiamo ad andare a lavorare all’estero”.

Riguardo le parole Paolo Gentiloni e Lara Comi sulle possibili sanzioni alla Svizzera. “Sono divertentissimi, sai come tremano gli svizzeri per le minacce di Gentiloni e di Lara Comi…” ha ironizzato Salvini.

Fonte: Radio Cusano Campus