6 dicembre 2016

Silenzio, si parla

Chi appartiene ai Millennials lo sa, nel patrimonio genetico può contare pure sul “gene digitale”.  Predispone  agli acquisti su Amazon e ad interloquire con elettrodomestici intelligenti, quelli che ti chiamano, anzi  ti mandano un messaggino, se è finito il bucato, così, se stai perdendo tempo o sprecando soldi,  t’ impongono di rientrare.

Nell’epoca dell’ iper-connettività sono tuttavia possibili effetti paradossali: le persone non parlano più tra loro, ma attraverso dispositivi che spuntano dalle tasche. Gli ansiosi tengono il  cellulare o lo smartphone sempre fra le mani o poggiato in un punto riparato della borsa e ogni tanto gli lanciano uno sguardo, come si fa con i bambini. Che fa è spento? In genere alle quattro vibra. Oh!! Aveva il cavetto della batteria ancora collegato, ecco il motivo!

Nei ristoranti  sono poggiati sui tavoli come commensali aggiunti, al momento di pagare c’è chi li conteggia. Allora dividiamo per otto? Ma siamo in quattro. E loro? Loro sono gli smartphone, che non sono stati zitti un secondo e qualcuno giura che, mentre si era distratti, si sono scolati pure l’aperitivo. Il risultato è che si perde l’abitudine a parlare, molti si fanno precedere dall’annuncio di un amico: allora ecco a voi Enrico che ci racconterà i suoi problemi  lavorativi, se ci sono domande raccogliamole per porle alla fine. Altri si preparano delle scalette per evitare i tranelli dell’emozione, che porta a usare nel  discorso  paroline riempi-vuoto: beh, ah, però, boh. Le troviamo pure raddoppiate: vabbè, mapperò, ahbboh.

Sono come i beep del centralino che  mette in attesa,  chi parla sta  eliminando i possibili argomenti causa di discussione perchè parlare è diventato oggettivamente terreno di fraintendimenti e i temi subdoli sono in agguato. C’è la crisi della famiglia quindi si evita di citare i partner, a volte pure gli aggiornamenti desunti da facebook possono essere sbagliati. I figli, nelle ultime settimane argomento hot, se prima chiedere cosa hai fatto il 22 settembre non avrebbe impressionato nessuno, adesso con le polemiche sul fertility day si rischia di sembrare maliziosi. Massimamente se si è andati al mare a giocare con la sabbia e una clessidra, proibito, fino a che non si calmano le acque!
E il lavoro? Introduzione di tante discussioni amichevoli ora ci si accerta prima che le mini occupazioni in cui tanti sono avviluppati si possano chiamare lavoro. Passa la voglia…
Insomma ci sarà qualcuno che ha una famiglia normale, dei figli, un impiego decente. Tutte le cose e tutte insieme? Certo che c’è, ma trovarlo e costringerlo a parlare è il difficile. Nonostante il flusso continuo e ininterrotto di scambi comunicativi che intersecano il pianeta da una latitudine all’altra. Qualche dato per rendercene conto. Il numero di siti nel mondo ha superato il miliardo, con tre miliardi di utenti regolari. Le cifre crescono a livello esponenziale e già domani questi numeri  saranno superati. Le ricerche condotte su Google sono più di 3,1 miliardi e  la quantità di mail  inviate in un giorno è superiore a 170 miliardi. I dati sono forniti  da” Internet livestats. com”.
Se passiamo ai social in Italia si dichiara di trascorrere su essi almeno due ore al giorno. Lo fa il 42% delle persone in maggioranza compresi nella fascia d’età fra i 20 e i 25, seguiti da quelli di età fra 35 e  i 44 anni. Gli over 55 sono circa il 16%,ma le percentuali sono in crescita. Le informazioni  e altri indicatori si possono trovare sulla pagina “we are social”.
E veniamo a loro, i social, la vera rivoluzione nella  comunicazione mondiale, tanto da potersi configurare in molti momenti come una vera lobby trasversale in grado di spingere l’opinione pubblica. Peccato che in circostanze quali quelle della guerra in Siria lo sdegno  di tutti gli utenti, per lo strazio della popolazione civile, non abbia prodotto risultati. Qualche cifra pure su di loro: Facebok può contare su 1,65 miliardi di iscritti con una crescita del 37% nell’ultimo trimestre. Un miliardo quelli di Whatsapp e numeri inferiori per Messenger 900 milioni e appena 400 milioni per  Instangram. Concludendo la questione non è, a quanto pare, avere o no  qualcosa da comunicare, ma assumersi la responsabilità di averlo fatto. Come hanno osservato  alcuni studiosi del comportamento spesso il linguaggio del corpo nega le parole e si sa il corpo non mente.
Ne deriva  la convinzione di non capirci niente con la relativa corsa alla tastiera. Per verificare se  sono soltanto le proprie facoltà intellettive ad essere appannate  o accade lo stesso agli altri. Condividi se sei d’accordo! Dall’altra parte silenzio, hanno lo stesso problema.