4 dicembre 2016

Pallavolo, Polisportiva Borghesiana volley, riecco Criscuolo: “Rientro con tanto entusiasmo”

Il suo ritorno è indubbiamente la novità più gradita e apprezzata per il settore volley della Polisportiva Borghesiana. Stefano Criscuolo, che qualche anno fa aveva lasciato il ruolo di responsabile per intraprendere un ruolo politico sempre sul territorio, è tornato “all’ovile”. Una società che per lui è una seconda casa considerando che agli albori del volley nella Polisportiva Borghesiana (inizio anni Ottanta) lui c’era come giocatore e che dal 1996 ha di fatto preso le redini del settore venendo affiancato poco tempo dopo da Giuliana Montaldi, altra “colonna” della Polisportiva Borghesiana volley tuttora presente nell’organigramma.
«Sono molto contento di essere rientrato e soprattutto di avere visto già ottimi riscontri a livello di tesseramenti nel settore giovanile – spiega Criscuolo – D’altronde la nostra filosofia è sempre stata quella di privilegiare la crescita dei nostri ragazzi e di cercare di portarne il più possibile nelle prime squadre: a maggior ragione varrà questo discorso nel ventesimo anno di mio impegno come responsabile del settore volley della Polisportiva Borghesiana». Criscuolo tornerà anche ad allenare: lo farà guidando assieme a Giuseppe Scipioni il gruppo della Seconda divisione maschile. «La squadra è stata sicuramente rinnovata rispetto all’anno scorso e sono arrivati alcuni ragazzi più giovani, tanto che stiamo valutando anche l’idea di fare in parallelo un campionato Under 18. Le potenzialità sono buone e penso che si possa fare un campionato da zone di vertice». Il discorso della Seconda divisione femminile, che sarà guidata dal confermatissimo coach Marco Aquili, è abbastanza simile.
«Anche questa selezione presenta diversi elementi nuovi oltre all’ossatura forte del gruppo della Polisportiva Borghesiana volley e al medesimo allenatore. Bisognerà capire quali valori esprimerà il campionato, ma anche le ragazze della nostra prima squadra possono lottare per obiettivi importanti. Ribadisco, però, che lo scopo primario sarà quello di far crescere elementi del vivaio che in prospettiva possano far parte delle nostre squadre maggiori».