9 dicembre 2016

Vincono Juve e Napoli , le milanesi pareggiano, Roma sconfitta

La sesta di campionato conferma la regolarità delle principali antagoniste al titolo, Juventus e Napoli, mentre vede arrancare il resto del gruppo che inizia ad allontanarsi pericolosamente. La fortuna aiuta gli audaci ed anche i bianconeri visto che espugnano Palermo grazie ad un’autorete del rosanero  Goldaniga  capitalizzando il massimo dei punti con il minimo sforzo; la squadra di Allegri non sta esprimendo in questo inizio di torneo un gioco brillante ed i nuovi innesti faticano a esprimere le grandi qualità,  di cui sono in possesso, con la dovuta regolarità  ma ciò che conta è che la classifica, nonostante tutto, la vede in testa e la strada  verso lo scudetto  si costruisce  quando si riesce a vincere, a far punti pur non giocando benissimo. Il Napoli  con il classico risultato di 2-0 si sbarazza,  senza soffrire troppo , del Chievo squadra sempre ostica e tradizionale bestia dei partenopei; fa piacere evidenziare che la vittoria è il frutto delle marcature di Gabbiadini, il puntero triste , che ritrova spazio, goal e grinta in un solo colpo e dell’immenso capitano Hamsik che festeggia la rete n.100 con la maglia del Napoli, bottino strepitoso per  il centrocampista ormai  indiscusso leader e bandiera azzurra. Il turn-over effettuato da Sarri , a differenza degli anni precedenti, non provoca scompensi a livello prestazionale , sintomo che il livello qualitativo delle cd. seconde linee si è avvicinato a quello dei “titolarissimi” e questo permetterà al mister toscano di effettuare le scelte future con relativa serenità. La Roma cade sotto i colpi di corna di uno scatenato Torino che la mette sotto per ben tre volte e neanche l’innesto d Sua Maestà  Francesco Totti riesce a rimettere in carreggiata i giallorossi  costretti ad uscire, insieme al tecnico Spalletti,  a testa bassa dal rettangolo di gioco. L’Inter stecca contro il Bologna e non va oltre il pari, finisce    1-1 dopo essere andata anche in svantaggio, il tecnico olandese De Boer , boccia clamorosamente Kodogbia mandandolo negli spogliatoi dopo appena 28 minuti di gioco: i prossimi giorni ci diranno se sarà frattura definitiva o se ci saranno ancora margini di recupero per ricostruire  un rapporto a livello tecnico problematico tra giocatore ed allenatore. Il Milan costringe allo 0-0 una Fiorentina che butta alle ortiche la possibilità di vittoria sbagliando un calcio di rigore con Ilicic , continua a far punti mantenendosi nelle zone alte della classifica, Montella  in silenzio e con pazienza cerca di dare un’identità a questo gruppo di ragazzotti di buone speranze che pian piano sembra stia assimilando le lezioni dell’ex aeroplanino. La Lazio torna alla vittoria ( 2-0 ) contro un Empoli molto diverso da quello brillante e tosto dello scorso anno , vittoria risicata per 1-0 anche per il Sassuolo ai danni dell’Udinese che permette alla squadra di patron Squinzi di assestarsi a centro classifica e pari anche tra Genoa e Pescara (1-1) con un furente presidente genoano che, a fine gara,  recrimina nei confronti del direttore di gara Irrati per presunte ingiustizie subite; peccato che  il buon Preziosi dimentichi, troppo facilmente, i favori arbitrali  che  hanno permesso al suo Genoa di uscire indenne contro il Napoli nemmeno tre giorni prima e come dice il saggio……chi di arbitro ferisce di arbitro perisce!