8 dicembre 2016

Teatro del Lido di Ostia, dalla formazione agli artisti emergenti del territorio per la stagione 2016/2017

Anche quest’anno, il lavoro delle oltre 20 Associazioni del territorio che compongono l’Associazione  TdL, responsabile della programmazione artistica,  ha prodotto una stagione  organica, equilibrata sulle diverse aree, ricca di stimoli d’eccellenza nazionali e internazionali, che combina sapientemente l’attenzione al territorio, la formazione, il teatro ragazzi, la collaborazione con Le Vie dei Festival,  il sostegno agli artisti emergenti,  l’arte contemporanea e urbana, le tematiche di interesse sociale e civile, con la garanzia di accessibilità, grazie a biglietti popolari e a numerosi eventi gratuiti. L’apertura di stagione, prevista per l’8 ottobre, è affidata a “La Paranza” di Nando Citarella, seguita il 9 dall’ Accademia Nazionale di Danza, per una serata omaggio a Sylvano Bussotti, mentre nel foyer sarà allestita per il mese di ottobre una esposizione dedicata all’Ecodesign.

PRIMO TRIMESTRE 

TEATRO e TEATRO RAGAZZI: la programmazione teatrale prevede una proposta di grande qualità e originalità, dai linguaggi estremamente diversificati, contemporanei, multidisciplinari, ispirata ai grandi temi di interesse sociale evidenziati dai tavoli ma anche guidata dalla necessità di offrire nuovi stimoli d’immaginazione, bellezza e riflessione, senza dimenticare l’omaggio a William Shakespeare nell’anno del suo quadricentenario. La collaborazione con Le Vie dei Festival porterà in programmazione gli spettacoli “Quella notte che la notte non venne”, con Ottavia Leoni e Chiara Lombardo; “Ci scusiamo per il disagio” de Gli Omini; “Pulcinella di mare” di Gaspare Nasuto; “Nina” con Sara Borsarelli.

Nel primo trimestre verrà sviluppato soprattutto il tema dell’identità di genere, attraverso diverse forme ed eccellenze: “Birre e rivelazioni”, prodotto da Teatri Uniti, regia di Tony Laudadio con Andrea Renzi; “Sorry, boys” l’atteso ritorno di Marta Cuscunà (prima romana); “Pecore nere”, un’altra appassionante storia al femminile a cura di Stefano Benni, “Le Difettose” di Eleonora Mazzoni, con Emanuela Grimalda, sul tema della fecondazione assistita. A completare il ricco programma “Un intervento”, regia di Jacopo Gassman (anteprima nazionale), e “Edith – il Passerotto di Francia”, opera teatral-musicale interpretata da Sarah Biacchi. Il Teatro Ragazzi, area a cui il Comitato Artistico riserva particolare attenzione per la formazione di nuovo pubblico, vedrà avvicendarsi: il Teatro delle Briciole, Stabile d’Innovazione, con “Rosso Cappuccetto”; Valdrada Teatro, con “Sogno di un mattino d’inverno”;  Luna e Gnac con “Bartali, eroe silenzioso” sul tema della memoria e della resistenza; Collettivo Cinetico con “Sherlock Holmes”, spettacolo di teatro danza; lo spettacolo di body percussion “Movement & Rhytm Project Show” di e con il tap dancer Jep Melèndez (U.S.A.) e Tupac Mantilla (Spagna), anche in pomeridiana per adulti. 

DANZA: con il progetto OstiANDanza nasce una collaborazione con la scuola di coreografia dell‘Accademia Nazionale di Danza di Roma che proporrà, oltre alla serata omaggio a Sylvano Bussotti,  “La Cina al Lido”, a cura della prof. Enrica Palmieri con i coreografi e danzatori cinesi del 2° biennio. Due gli spettacoli internazionali in questo primo trimestre: oltre al già citato “Movement & Rhytm Project Show ”, la prima italiana di “A palo seco” della bailaora spagnola Sara Cano (Madrid).

 ARTI VISIVE: Il foyer del Teatro è un luogo sempre più vissuto, soprattutto dalle giovani generazioni, anche grazie agli allestimenti dedicati ai nuovi linguaggi del contemporaneo. Le mostre allestite nel primo trimestre riguardano: il design sostenibile con Ecodesign; la figura di Pasolini, sviluppata attraverso un percorso fotografico; i calligrammi di Daniele Tozzi in arte Pepsy; i teatrini di carta di Fernanda Pessolano, che ricordano gli esordi in giovanissima età della scrittrice Elsa Morante;  il Corriere dei Piccoli. 

FORMAZIONE E TERRITORIO: dal mese di ottobre il Tdl propone due laboratori teatrali, in collaborazione con gli istituti superiori del territorio. Il primo, condotto da Tamara Bartolini, ha per tema le frontiere e le migrazioni  e prevede la partecipazione di studenti e giovani rifugiati. Il secondo, condotto da Giuditta Cambieri e Mally Mieli,  dal titolo “Teatro oltre la barriera del suono” è  un laboratorio rivolto a udenti e non udenti, in collaborazione con la comunità dei Sordi di Acilia. Una rinnovata attenzione al tema della salute mentale è rappresentata dal festival di corti “Lo Spiraglio”, in collaborazione con la ASL. Un laboratorio d’eccellenza sarà inoltre proposto da Nando Citarella, con le sue “Danze ai piedi del Vesuvio”. Ulteriori attività legate al territorio riguardano un percorso performativo sulla memoria e sulla seconda guerra mondiale, condotto da Theodor Rawyler con un gruppo di anziane che offriranno tre spettacoli ai centri anziani; progetti scolastici interculturali a cura di mediatori del territorio; lezioni di cinema nelle scuole a cura di Mauro Castagno. Inoltre, il Collettivo Territorio Narrante presenterà anche quest’anno la sua rassegna raccontando la realtà di Ostia e delle periferie, le controculture giovanili, attraverso letteratura, fumetto, musica e video. Sono previsti interventi sulla graphic novel con Toni Bruno e Zerocalcare; incontri con il collettivo di scrittori bolognesi Wu Ming sul tema della prima guerra mondiale;  narrazioni ironiche e imprevedibili dello scrittore Claudio Morici accompagnato dall’attore Daniele Parisi, artista di eccezionale talento, da sempre sostenuto dal Teatro del Lido, recente vincitore del Premio Imaie per i nuovi talenti al Festival del Cinema di Venezia.

MUSICA: la programmazione attraverserà diversi mondi e diverse suggestioni, dalla tradizione all’innovazione,  aprendosi ad impulsi differenti e nuovi. L’attenzione alla folk music italiana, oltre che con Nando Citarella, proseguirà con il concerto “RomaBombay” della cantautrice Giulia Anania, in prima nazionale: uno spettacolo sulla romanità contemporanea e le relazioni tra le diverse culture che la abitano. Lo sguardo si allargherà alle tradizioni musicali dei paesi che si affacciano sulle sponde del Mediterraneo con il concerto dell’ensemble El Nouba, un organico multietnico con un repertorio dal Maghreb, dalla Turchia e dai Balcani, e con il Taiko Italy Meeting, il primo meeting nazionale dei gruppi di percussioni giapponesi. Il genere classico sarà presente con il concerto dell’Orchestra NuovaKlassica diretta dal M° Carlo Stoppoloni, che eseguirà un repertorio barocco per il tradizionale appuntamento del 26 dicembre. 

Il Teatro del Lido apre la sua nuova stagione, forte di un modello di gestione ‘pubblico e partecipato’  che scaturisce da anni di elaborazione dal basso, consolidandosi come pratica virtuosa ed innovativa di co-progettazione tra ente pubblico, Zetema Progetto Cultura, associazioni, operatori culturali e cittadinanza.

Il Teatro del Lido è oggi un polo aggregativo socio-culturale fondamentale, un punto di riferimento aperto e operativo tutto il giorno, un luogo di condivisione e costruzione di immaginari, poetiche e realtà, laddove la comunità recupera il senso antico del teatro come spazio di concepimento di una identità culturale, civile, politica. Non a caso il TdL registra un incremento costante di pubblico mentre si infittisce la rete di collaborazioni con le istituzioni (Asl, Municipio, Scuole, associazioni, ecc).

I tavoli partecipati – momenti assembleari pubblici durante i quali il Comitato Artistico accoglie le esigenze del territorio per poi tradurle in una programmazione con un lavoro trasparente, capillare e non retribuito –  danno vita a progettualità in divenire, messe in rete con persone ed organizzazioni del territorio.

Tutto questo, in un quadrante di città che comprende oltre 200.000 residenti, investito da un commissariamento per mafia che di fatto ha diradato fino ad interrompere quasi del tutto l’investimento culturale sul territorio.