8 dicembre 2016

Roma, aggressione Gay Street, Battaglia: “La cattiva educazione della Raggi alimenta l’odio”

Imma Battaglia, leader del movimento LGBT, è intervenuta questa mattina ai microfoni di Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano, nel corso del format ECG, con Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

Commentando quanto accaduto sabato notte a Roma, dove dei genitori hanno massacrato di botte la fidanzata della figlia, lesbica, Imma Battaglia ha dichiarato: “Queste notizie non mi sorprendono, la società ha acquisito l’esistenza delle persone omosessuali ma il passaggio per cui una famiglia sono pronti ad accettare e comprendere l’amore e la vita dei propri figli è ancora lontano. E’ un percorso che non ha visto una preparazione specifica, quando si tratta dei propri figli tutti diventano improvvisamente impreparati”.

Sulle esternazioni omofobe di Clemente Russo al Grande Fratello VIp: “Clemente Russo si diverte a prendere in giro un omosessuale in diretta nazionale. Quelle possono essere battute, ma in un Paese come il nostro, che non è ancora pronto, possono essere delle offese. E’ un argomento ancora troppo delicato, questo, per meritarsi questo aspetto giullare e un po’ stupidotto di Clemente Russo.  Non credo che Russo volesse offenderlo, ma questo modo di scherzare va evitato, perché davanti a una famiglia, che magari sente molto parlare in televisione di omosessualità, ma che non se lo aspetta dai propri figli, ha un effetto devastante. Ritengo che la questione vada affrontata, francamente non sono per il giustizialismo, mi auguro che come fanno sempre lì gli autori introducano un dibattito, facciano in modo che i concorrenti di fatto inizino un discorso serio sul tema dell’omofobia e della discriminazione. Queste trasmissioni devono avere anche un ruolo educativo, da una debacle si può trarre un momento di educazione civica”.

Tornando a quanto accaduto sabato sulla gay street: “E’ stata davvero una bruttissima storia, molti mi hanno raccontato dell’aggressività verbale e fisica incredibile da parte dei genitori. La madre, il padre e la zia, come una squadraccia, sono arrivati lì a cercare la figlia e la fidanzata e hanno immediatamente aggredito la fidanzata picchiandola. Io dico che a tutto c’è un limite, quando si utilizza la forza fisica, quando si arriva a questo tipo di violenza. La figlia e le persone che erano lì cercavano di dividerli, è arrivata poi la polizia ma nessuno ha voluto denunciare. Perché quando sono coinvolti i familiari, poi,  tutti hanno paura. L’Italia dal punto di vista familiare è molto in decadimento”.

Su VIrginia Raggi: “La politica dei Cinque Stelle è ancora da opposizione e penso che sia importante l’educazione. Il Sindaco è un personaggio pubblico ed è un modello. Quando un sindaco non si presenta ad un appuntamento internazionale, come quello con il Comitato Olimpico, trovo che sia cattivo gusto e cattiva educazione, quella cattiva educazione che alimenta l’odio, che autorizza un padre a picchiare la fidanzata della figlia gay o che autorizza Clemente Russo a dire ricchiuncello. Lei, da sindaco, ha fatto una cosa molto grave. Si doveva presentare all’appuntamento e porre la questione in maniera seria e rispettosa”.

AUDIO http://www.radiocusanocampus.it/podcast/?dl=10214

Fonte: Radio Cusano Campus