7 dicembre 2016

MotoGp, Aragon 2016: la pagella del Dicos

MARC MARQUEZ 110 e Lode: Aragon per l’asso di Cervera significa pole, giro veloce, vittoria ed un colpo micidiale agli avversari nella lotta al titolo. Eppure lo spagnolo ad inizio gara commette un errore che poteva costargli caro. Dalla quinta posizione, a 19 tornate all’arrivo, inizia la rimonta. Il Dovi prima, Vinales, Lorenzo e Rossi dopo, subiscono la sua azione senza possibilità di replica. L’asso della Hrc coglie il quarto successo nazionale ed eguaglia, così, il numero di vittorie di Doohan. Affermazione che sottolinea ancor di più la grandezza del suo talento perché la Honda non solo non è all’altezza della Yamaha ma anche della Suzuki. L’allegria che trasmette dalle interviste è contagiosa e lascia ben sperare per il futuro della MotoGp. Eccezionale!

 

JORGE LORENZO 9: Se contro un Marquez in formato alieno nulla ha potuto, contro il compagno di squadra il campione del mondo in carica ha lottato e vinto un bel duello. A dire il vero, la piazza d’onore prima del via era poco più di una speranza, viste le qualifiche. Il martillo, però, è stato bravo nel non arrendersi ed ha spinto addirittura Rossi all’errore. Un piazzamento che può riaprire il campionato per quel che concerne la seconda casella. Bravo!

 

VALENTINO ROSSI 7,5: E’ il grande sconfitto della trasferta spagnola. E’ vero che Aragon non è una pista amica, ma doveva essere un’altra tappa di recupero punti, ed invece… A 12 giri dal termine subisce l’infilata di Marquez. A meno 5 dalla fine è la volta di Lorenzo; Vale non ci sta e cerca di recuperare. A meno 2, però, un lungo lo condanna all’ultimo gradino del podio. Perdere contro Marquez ci può stare ma contro quella che è di fatto la seconda guida della Yamaha meno. Alcuni dicono che quest’anno guida meglio dell’anno scorso. Altri affermano, addirittura, che quello del 2016 sia il miglior Valentino di sempre. Sinceramente sono anni, sette per la precisione, che per me è la copia sbiadita di se stesso. Poi se a contare non sono i successi finali ma altro, beh, questa è un’altra storia (magari raccontata in dvd venduti in edicola). Non va!

 

MAVERICK VINALES 7: Parte forte e per un po’ riesce ad essere l’apripista. E’ nella sua scia quando Lorenzo si fa sotto a Rossi; un errore, però, gli fa perdere il contatto e così anche il podio. L’anno prossimo sarà un osso durissimo per tutti. Promessa reale!

 

HONDA: miracolata da San Marquez.

 

 

YAMAHA: i miracoli non riescono più, specie a chi parte indietro.

 

 

SUZUKI: miracolo mancato.

 

 

APRILIA: davanti alle Ducati. Miracolo!

 

 

DUCATI: troppo brutta per essere vera…..

 

 

VOLUME: Cara Sky io pago l’abbonamento ed esigo che il volume della telecronaca sia decente per tutta la durata della gara. Possibile mai che ci siano dei mancamenti?

 

 

MARQUEZ PROBLEMA PER LA HONDA: Avete visto cosa è in grado di fare Marc, vero? Si notano i limiti delle Honda rispetto alle rivali, giusto? Bene, qualcuno ha avuto il coraggio di dire che il 93 rappresenti un problema per la casa di Tokyo. Siccome anche un pirla non arriverebbe a dire tanto, c’è un’unica spiegazione a questa disanima. Per dirla come il nonno moderno di Made in Sud, solo la “troca trocata” può spingere, forse, a simili affermazioni…..

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.