Cassino, fermate due donne per detenzione di sostanze stupefacenti

A Cassino, i militari del locale Comando Compagnia, in collaborazione con il personale della Polizia Penitenziaria della Casa Circondariale del luogo, hanno tratto in arresto nella flagranza del reato di “detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio” due persone, zia e nipote,  rispettivamente di 64 e 35 anni, residenti nella capitale. Le stesse, nel corso di un colloquio con un proprio familiare detenuto presso la locale Casa Circondariale, venivano notate dal personale della Polizia Penitenziaria scambiarsi una serie di cenni d’intesa che lasciavano sospettare che stessero concordando la consegna di un qualcosa e che ciò sarebbe avvenuto all’esterno del carcere, molto probabilmente presso l’Ospedale civile di Cassino dove il detenuto stava per essere trasferito per motivi di salute. I militari, avvertiti dell’accaduto, all’uscita dal carcere delle due donne hanno dato inizio al loro pedinamento per poi fermarle e sottoporle a perquisizione veicolare e personale. Addosso ad una delle due donne, nascosto nella biancheria intima, è stato rinvenuto un  involucro contenente nr.61 compresse da grammi 0,1 cadauna e nr.28 compresse da grammi 0,4 cadauna, di un oppiaceo di sintesi verosimilmente “subutex”, molto probabilmente destinato al parente detenuto. Le persone arrestate, espletate le formalità di rito, venivano poste in regime degli arresti domiciliari.




 

 

 

Informazioni su Samantha Lombardi 4665 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it