11 dicembre 2016

Papa Francesco all’Angelus prega per il Messico percorso da violenze

Pope Francis smiles as he meets the media during an airborne press conference on his journey back to Rome from Seoul, South Korea, Monday, Aug. 18, 2014. Pope Francis wrapped up his first trip to Asia on Monday by challenging Koreans - from the North and the South - to reject the "mindset of suspicion and confrontation" that cloud their relations and instead find new ways to forge peace on the war-divided peninsula. (AP Photo/Gregorio Borgia)

“Il suo esempio ci aiuti ad essere testimoni di carità e di speranza anche in mezzo alle tribolazioni”, cosi Francesco rievocando la figura del beato Engelmar Unzeitig, sacerdote della Congregazione dei Missionari di Mariannhill.

“Ucciso in odio alla fede nel campo di sterminio di Dachau, egli all’odio contrappose l’amore, alla ferocia rispose con la mitezza”.

Il pensiero del Papa è poi corso al Messico, dove lunedì scorso sono stati sequestrati tre sacerdoti, due nello Stato di Veracruz, Alejo Naborì e Jose Alfredo Jimenez rinvenuti uccisi, ed un altro José Alfredo Lopez Guillen, nello Stato di Michoacan, di cui non si hanno notizie.

“…assicuro la mia preghiera per il caro popolo messicano, perché cessi la violenza che in questi giorni ha colpito anche alcuni sacerdoti”.

Francesco ha quindi espresso la sua vicinanza alla Chiesa messicana:

“Mi associo ben volentieri ai vescovi del Messico nel sostenere l’impegno della Chiesa e della società civile in favore della famiglia e della vita, che in questo tempo richiedono speciale attenzione pastorale e culturale in tutto il mondo”.

Infine, un saluto speciale nella Giornata mondiale del Sordo:

“Desidero salutare tutte le persone sorde, qui pure rappresentate, e incoraggiarle a dare il loro contributo per una Chiesa e una società sempre più capaci di accogliere tutti”.

E ancora un grazie ai catechisti in piazza San Pietro:

“La Madonna vi aiuti a perseverare nel cammino della fede e a testimoniare con la vita ciò che trasmettete nella catechesi”.

(Da Radio Vaticana)

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5996 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.