4 dicembre 2016

MotoGp, Aragon: successo di Marquez

Il GP d’Aragona si conclude con la vittoria di Marc Marquez. Il leader iridato del team Repsol Honda vince con distacco. Parte dalla pole, perde posizioni e guadagna terreno fino alla vittoria, la quarta del 2016 ed è sempre più primo in campionato. Dietro di lui la sfida Rossi-Lorenzo si chiude a favore del maiorchino. Le Ducati del Team sono lontane.

Prima della gara è stata annunciata la defezione di Alex Lowes. Il pilota WordlSBK sostituto dell’infortunato Bradley Smith con i colori Tech3 è stato lui stesso vittima di un incidente durante la FP3 e non parteciperà alla gara. Chi sarà regolarmente al via è invece Nicky Hayden. L’iridato del 2006 nella classe regina e anche lui pilota della derivate di serie è stato chiamato a rimpiazzare Jack Miller sulla Honda del team Estrella Galicia 0,0 Marc VDS e ora chiude il gruppo. La sua gara sarà di costanza e finirà al 15esimo posto.

Condizioni di pista buone e un cielo limpido caratterizzano la partenza della quattordicesima gara stagionale. Le basse tempere della prima mattinata hanno lasciato spazio al caldo confermando la previsione del grande sbalzo termico sulla pista di Alcañiz. Era previsto anche un cambio climatico, con possibili precipitazioni ma niente di tutto questo si è avverato. Nel warm up il migliore è stato Marc Marquez che si appresta ad interpretare una grande prova dopo aver firmato anche la pole position.

Lorenzo sembra tornato nelle migliori condizioni e in qualifica è stato autore del terzo tempo. Ora chiude la prima fila arretrato di mezza moto da Maverick Viñales (Suzuki Ecstar) e nel warm up è stato protagonista di una caduta alla curva otto. Una scivolata nello stesso punto di pista dove sabato è caduto il suo rivale di box Movistar Yamaha Valentino Rossi. Il Dottore ha firmato il sesto tempo in qualifica ed è abbastanza vicino alla prima fila tutta spagnola. Il più avanzato dei piloti italiani sulla griglia di partenza è Adrea Dovizioso del Ducati Team, autore di prove dalle ottime sensazioni ha chiuso la Q2 che il quarto tempo mentre il suo compagno di box, Michele Pirro è stato autore del 17esimo crono delle qualifiche. Il pilota di San Giovanni Rotondo è stato chiamato a sostituire Andrea Iannone messo fuori gioco dalla vertebra infortunata a Misano. Ottima terza fila invece per Danilo Petrucci (Octo Pramac Yakhnich) che partirà dietro gli scarichi della M1 del Dottore.

Tutto è pronto, si spegne il semaforo e inizia la gara. Parte bene Lorenzo seguito da Marquez. La lotta è subito accesa con il pilota Suzuki che entra nel duello e si mette davanti a tutti. Rossi è quarto dopo aver superato Dovizioso mentre Crutchlow ha perso posizioni e Aleix Espargaro è sesto. Scott Reddind, portacolori Octo Pramac Yakhnich cade alla curva 12 e la sua gara sarà in salita, finirà ultimo. Dopo un giro, al comando c’è Viñales braccato da Marquez e poi Lorenzo, Rossi è vicino al compagno di box mentre il numero 93 attacca il connazionale e ha la meglio, il talentuoso pilota di Figueres resta in scia. Marquez ha un problema tecnico, perde posizioni ed è sesto. Viñales è novamente primo davanti ai due portacolori Movistar.

Sono stati percorsi tre giri e ne mancano 20. Il numero 25 Ecstar comanda la corsa mentre il gruppo procede allungato. Dovizioso è quarto dietro a Rossi mentre Marquez prova a risalire. Si accende il duello tra i piloti Yamaha: Rossi supera Lorenzo e si pone all’inseguimento del futuro compagno di box, ora a oltre 0.5s. Marquez intanto ha avuto la meglio su Dovizioso e poco dopo su Lorenzo. In queste fasi Petrucci e Pirro sono 14esimo e 15esimo la loro gara sarà subito impegnativa.

Rossi e Viñales proseguono vicini ma a meno 15 giri dalla fine il Dottore si mette al comando mentre Marquez si avvicina al duo di testa. Le emozioni al MotorLand sono in crescendo. Al nono giro il pilota Suzuki va largo alla curva uno e perde posizioni, ora è terzo dietro a Marquez ma nel mirino di Lorenzo e subisce il suo attacco. Dovizioso dalla sesta posizione scivola all’ottavo posto e la sua gara si concluderà ancora più arretrato al mentre Dani Pedrosa (Repsol Honda) recupera su Aleix Espargaro (Suzuki Ecstar) e sarà sesto finale.

A meno dodici giri dalla fine Rossi e Marquez hanno un vantaggio di oltre 1.5 secondi su Lorenzo e il leader iridato attacca e supera alla curva 15 il nove volte campione mettendosi al comando. Adesso la testa dela corsa è composta da due duelli distinti: Marquez contro Rossi per la prima posizione e Viñales contro Lorenzo per l’ultimo gradino del podio. Al quattordicesimo giro Marquez ha un vantaggio di oltre un secondo sul Dottore. La partita sembra chiusa e le due M1 ufficiali sono nuovamente vicine.

Ad ogni passaggio il leader iridato guadagna terreno, forte anche delle prestazioni della sua doppia mescola dura. Mentre dietro è lotta tra i due pilota Movistar e Lorenzo ha la meglio su Valentino alla fine del diciassettesimo giro. A meno due tornate dalla fine Rossi prova l’attacco a Lorenzo ma va largo e si deve accontentare del gradino più basso del podio.

Marquez taglia il traguardo e impenna in tranquillità, è la sua quinta vittoria stagionale raggiungendo il record di un altro mitico pilota Honda, Michael Doohan. Lorenzo è secondo davanti al numero 46. Viñales quarto. Le Ducati ufficiali concludono arretrate, all’undicesimo e al dodicesimo posto mentre Petrucci è diciassettesimo.Bene le Aprilia: Stefan Bradl è decimo e Alvaro Bautista nono.

Dopo il quattordicesimo GP della stagione la classifica iridata non cambia e vede al primo posto Marquez (248 punti). Rossi resta secondo davanti a Lorenzo, 196 contro 182 lunghezze iridate. Pedrosa è quarto a 155 punti.

Fonte: motogp.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5930 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.