11 dicembre 2016

Moto 3: Navarro vince ad Aragon, Binder è campione

La mattinata al MotorLand si apre con clima atmosferico buono, un cielo limpido e temperature in costante crescita. Ci si aspettava un probabile annuvolamento e anche qualche goccia di pioggia, così non è stato e la gara della classe leggera può iniziare sotto il sole. Nel warm up il migliore è Di Giannantonio, portacolori del team Gresini. Il suo collega di scuderia Bastianini è sembrato arretrato nelle prove mattutine ma scatterà dalla pole position, per la seconda volta dopo la scorsa stagione, al MotorLand. Al suo fianco Navarro e a chiudere Gabriel Rodrigo del team RBA Racing dopo che Livio Loi (RW Racing), autore del terzo tempo in qualifica, ha subito una penalità per guida non responsabile. Gli altri italiani sono arretrati, il migliore sulla griglia di partenza è Lorenzo Dalla Porta (Sky Team VR46) in dodicesima posizione. Il leader della classifica, Brad Binder, che in questa gara potrebbe diventare campione del mondo è in terza fila, al settimo posto.

Dunlop a mescola media per quasi tutti i protagonisti della quarto di litro e inizia la corsa. Si spegne il semaforo e parte bene Bastianini che si pone al comando della gara. Il riminese è inseguito da i piloti Estrella e poi Binder alle spalle del quale si mette Rodrigo. Il sudafricano è deciso ad essere il protagonista assoluto della gara e ha la meglio su Canet conquistando il terzo posto. I due piloti davanti hanno qualche metro di vantaggio e Navarro dopo un giro si mette al comando della corsa.

Gara finita per Nicolò Bulega (Sky Team VR46) che è vittima di un incidente con Jakub Kornfeil portacolori Drive M7 e Maria Herrera, MH6 Team; mentre Fabio Spiranelli (CIP-Unicom) in precedenza è stato coinvolto in una caduta con Stefano Valtulini (3570 Team Italia) alla curva 1; nulla di grave per Bulega e Kornfeil che saranno visitati al Centro Medico del circuito. Davanti Bastianini e Navarro sono protagonisti di un duello dietro al quale Binder resta in attesa di un eventuale errore dei due. Il sudafricano non vuole rischiare e al terzo posto sarebbe comunque campione del mondo proprio davanti al riminese e al pilota di Valencia.

Dopo cinque giri in testa al gruppo si mette Navarro che prende qualche metro di vantaggio mentre al secondo posto è salito Philipp Oettl, Schedl GP. Il tedesco è al oltre 0.3s dal pilota Estrella e comanda gli inseguitori davanti a Binder, Bastianini e Di Giannantonio. Oett ricuce su Navarro e compatta il gruppo lasciando prevedere un arrivo in volata e una gara incerta fino alla bandiera a scacchi. Bella progressione di Andrea Migno, che partito dal centro gruppo ora è settimo mentre Dalla Porta è ventisettesimo.

Le posizioni di testa cambiano in continuazione davanti si alternano Oettl, Bastianini, Di Giannantonio, Navarro e a tratti Binder. Ogni cambio di direzione o staccata è il punto giusto per avare la meglio sui rivali e dominare anche solo per poco la gara. Sarà il motivo dominate della corsa fino alle battute conclusive con il leader iridato impegnato nel tentativo di uscire dalla bagarre per il primo posto mettendosi in testa e in un paio di occasioni provando ad allungare ma senza riuscirci mentre nel gruppo di testa entrano Joan Mir del team Leopard Racing e Migno autore di una gara di grande sostanza. La vittoria finale è aperta anche a loro due.

Arretrato è Francesco Bagnaia, il pilota Gaviota Mahindra quinto in campionato non sembra a suo agio sulla pista aragonese e a meno dieci giri dal temine è in quindicesima posizione. La sua gara finirà al 16esimo posto.

Ultimi giri, Binder lotta carena contro carena per il titolo. È spesso impegnato in duelli dal grande ardore dove è il pilota che rischia di più visto che una caduta significherebbe posticipare la vittoria iridata al prossimo GP. A meno cinque passaggi dalla bandiera a scacchi è nuovamente in testa ma ancora una volta non riesce a staccare gli inseguitori, primo dei quali è un agguerrito Bastianini con in scia il compagno di box Di Giannantonio, poi Navarro. I quattro hanno preso un leggero margine da Mir che comanda il gruppo di inseguitori; non si risparmiano e soprattutto i due piloti del team Gresini duellano tra di loro senza provare il gioco di squadra. Binder resta vicino all’inseguimento del titolo più che risultato di gara.

Ultimo giro da grandi emozioni e la bagarre continua, Bastianini è al comando ma nelle ultime curve cede a Navarro e poi al numero 41, lo spagnolo vince la gara e Binder riesce ad essere secondo sul traguardo facendo suo il titolo con quattro gare di anticipo. Di Giannantonio è quarto mentre Migno undicesimo.

Fonte: motogp.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5996 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.