8 dicembre 2016

Strigliozzi e funghi porcini protagonisti nel weekend delle sagre

Un particolare tipo di pasta lunga realizzata con farina di grano duro e condita con abbondante sugo al pomodoro: gli strigliozzi sono i grandi protagonisti del fine settimana fuori porta a Castel di Tora, splendido borgo a due passi dal Lago del Turano (Rieti) che domenica 25 settembre celebrerà la 21esima edizione della sagra dedicata al proprio piatto tipico. A partire dalle 12.30, all’interno di un’ampia area al coperto, inizierà la distribuzione degli strigliozzi insieme al pane cotto a legna, al buon vino del posto, ai dolci tipici e a una ricca selezione delle perle della gastronomia locale, che saranno in bella mostra insieme ai prodotti d’artigianato lungo le tortuose viuzze del paesino in provincia di Rieti; quest’anno, inoltre, la Pro Loco locale ha deciso di devolvere l’intero utile della manifestazione alla Pro Loco di Amatrice, affinché lo utilizzi per la comunità terremotata. A completare la giornata di festa sarà l’allegria e l’ospitalità dei castelvecchiesi – così chiamati per l’antico nome del paese –, pronti più che mai ad accogliere turisti, curiosi e amanti delle tradizioni in un luogo dal fascino magico, immerso nella Valle del Turano che inizia a colorarsi delle tinte autunnali.

A Oriolo Romano sarà invece la volta di profumi deliziosi e inconfondibili, che dagli Antichi Romani ai giorni nostri sono sinonimo di buona cucina e di gioia di stare in tavola: quelli dei funghi porcini che in crema, in zuppa, oppure su primi e secondi piatti saranno protagonisti dal 23 al 25 settembre nel paese in provincia di Viterbo. Alla sagra del porcino lo stand gastronomico sarà aperto il venerdì solo a cena mentre il sabato e la domenica pranzo e cena, e tra una portata e l’altra il divertimento sarà assicurato grazie a un ricco programma che spazia dagli spettacoli musicali alle conferenze a tema, dai mercatini fino alle mostre d’arte. Il tutto nella centralissima piazza Umberto I° dominata dall’imponente Palazzo Altieri, dove giovedì 22 settembre alle ore 20 è in programma anche la cena di beneficenza “Un’amatriciana per Amatrice”: l’incasso della serata – nella quale saranno servite un piatto di amatriciana, salsiccia, ventresca, bruschetta e un bicchiere di vino al costo di 10 euro – sarà interamente devoluto ai comuni colpiti dal terremoto del 24 agosto scorso; musica live e dj set completeranno la serata all’insegna della solidarietà prima dell’ultimo fine settimana della Sagra.

A cura di www.fuoriporta.org