4 dicembre 2016

Roma, Olimpiadi, Ranucci, PD: “Olimpiadi non si faranno ma non sono d’accordo sulla richiesta di danno erariale”

Il Sen. Raffaele Ranucci (PD), membro della Commissione Lavori Pubblici, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

“Le Olimpiadi sono innanzitutto importanti per le persone, per l’immagine di un Paese, per avere un futuro –ha affermato Ranucci-. Troppo spesso ci riteniamo incapaci, invece possiamo dimostrare che siamo grandi organizzatori di grandi eventi. Noi siamo uno dei popoli che meglio sa organizzare gli eventi. La colata di cemento non mi sembra che ci sia, ci sono due opere che devono essere costruite in più. Le decine di appartamenti che devono essere gestite da privati? E’ una falsità. Io vedo una città come Londra, che ha una delle più grandi attrazioni universitarie del mondo. Tutti i ragazzi che vengono dall’Europa vanno a Londra, perché ci sono i servizi. Costruire un campus universitario non è una speculazione dei costruttori, è un modo per far diventare Roma un’attrazione per gli studenti anche dall’estero. Vela di Calatrava? La Vela di Calatrava fu definanziata da Berlusconi ed Alemanno quando cadde Veltroni. E’ un simbolo negativo, ma lo è perché è il risultato di una lotta politica che non doveva essere fatta. Il campus universitario è una cosa che serve e che rimane all’Università. Dove sta la speculazione? Me lo devono spiegare. Noi abbiamo le imprese italiane che costruiscono ovunque e pensiamo che per 100 milioni di appalti le nostre imprese si fascino la testa? Italia ’90? Forse il nostro Paese è cambiato, nel ’92 c’è stata Tangentopoli. Vogliamo cambiare pagina in questo Paese o no? Lo dico anche se ormai è chiaro che le Olimpiadi non si faranno. Chiedere danno erariale? No non sono d’accordo con questa iniziativa. La città è paralizzata, bisogna finirla di dire che è paralizzata da sempre, perché quando c’erano Rutelli e Veltroni la città funzionava. La città è in ginocchio in questo momento, anche per colpa del mio partito, che dopo l’esperienza Veltroni anziché fare un’opposizione concreta alla giunta Alemanno, faceva opposizione la mattina e poi si accordavano la sera”.

Fonte: Radio Cusano Campus