Fertility Day, On. Costantino SI: “Ecco il senso del Fertility Fake a Piazza di Spagna”

Celeste Costantino, deputata di Sinistra Italiana, è intervenuta ai microfoni della trasmissione “Genitori si diventa”, condotta da Annalisa Colavito su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

In merito al Fertility Fake. “Oggi –ha spiegato Costantino- si sono convocate una serie di realtà, associazioni, ragazze e ragazzi che hanno seguito la questione legata al fertility day e che vogliono testimoniare attraverso la presenza a Roma in piazza di Spagna e anche in altre città italiane che il governo non tiene conto della realtà delle loro vite e che non si può culturalmente dare quest’immagine delle generazioni che si trovano a volere un figlio, o affrontare il tema della fertilità, che è un tema importantissimo e complesso. Il tipo di comunicazione che sottintende un pensiero politico. Il problema non è soltanto comunicativo, ma anche politico. Declinare un tema così importante senza tenere conto le condizioni di vita del nostro paese significa negare problemi e politiche che si devono attivare nel nostro paese. Il tema si allarga a quella che è la condizione di tante giovani coppie nel nostro paese, quindi precarietà, condizioni di instabilità totale rispetto al lavoro, alla loro abitazione. Il governo quando decide di declinare così una campagna mettendo clessidre e cicogne si rende conto che sta insultando tante ragazze e ragazzi che magari un figlio lo vogliono fare, e sono anche nelle condizioni di farlo, ma non lo fanno perché non hanno un tetto sulla testa? C’è questa sensibilità da parte del governo, direi di no! E’ un problema che riguarda nuove e vecchie generazioni. Il provvedimento relativo all’ora di educazione sentimentale è stato incardinato alla Commissione Cultura e Istruzione della Camera dei Deputati, ed è già un risultato. Dal momento che le iniziative presentate sono tante. Considero l’arrivo in commissione un segnale positivo, siamo all’inizio. Abbiamo fatto audizioni, ascoltato soggetti che già fanno educazione sentimentale a scuola, e abbiamo sentito coloro che da sempre contrastano questo modello di scuola, e apertura a temi che non sono dottrine praticabili nel mondo della scuola. Sono convinta che il confronto potrà portare ad un modello condiviso anche dalle altre forze politiche. Tutte le realtà che hanno sostenuto questa proposta di legge non devono abbassare la guardia. C’è meno gente che si sposa, ma molti convivono e concepiscono la famiglia e il proprio rapporto amoroso non più dentro un meccanismo classico, viviamo un paradosso gli omosessuali vogliono il matrimonio, gli eterosessuali scelgono di non sposarsi. Non so se la lettura della società può partire da questa percentuale statistica. C’è un mondo che non viene preso in considerazione da queste ricerche. L’educazione sentimentale la dovrebbero fare anche tanti politici. E non è strettamente legata alla dimensione di coppia, parliamo anche dell’amore come rispetto, educazione civica, forme di convivenza. Se la leggiamo così non riesco a capire le argomentazioni di un passaggio che dovrebbe interessare tutti. Stamattina sono ospite, sostengo una battaglia che ritengo giusta. Stare in piazza significa tornare nei luoghi pubblici e contestare quello che non funziona del governo Renzi”.

Fonte: Radio Cusano Campus

I video del giorno