5 dicembre 2016

Di Maio: “Occhio alla pensione!”

Dopo le cattive notizie del Jobs Act, bisogna fare i conti anche con la pensione.
Chi ha avuto la fortuna di conservare il lavoro, dopo decenni di fatiche sperava di godersi la pensione. Ma purtroppo non è così!

Dietro l’annuncio del Governo sull’inserimento in stabilità della possibilità di anticipare la pensione, si nasconde in realtà una gigantesca truffa.

Usufruire dell’APE significa:
– avere un anticipo pensionistico fino 3 anni e 7 mesi con un prestito bancario;
– rimborsare “il prestito” ventennale alle banche nel momento che scatta la pensione ordinaria;
– rimborsare il prestito a proprio carico e con circa il 5% di interesse annuo;
– perdere il guadagno che si avrebbe continuando a lavorare.

In sostanza, un lavoratore nato nel 1953 con un reddito netto di 2.000 euro che chiede un anticipo pensionistico di 36 mesi avrà un taglio della pensione pari all’8,9% per i primi 3 anni e del 28,5% per i successivi 20.

Pensionati a rischio povertà, aziende che non sono più in grado di rinnovare contratti, giovani costretti ad andare all’estero perché non c’è lavoro. E questo Governo parla di Olimpiadi. Pensano sempre e soltanto agli affari propri.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5950 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.