9 dicembre 2016

Ma quali Olimpiadi?!?!?!

La sindaca di Roma dice no alla selezione delle città candidate ad ospitare le olimpiadi del 2024 (la certezza di vittoria non è affatto scontata….) che subito una certa stampa e certi politici si scoprono filo sportivi e si indignano.

 

 

 

La stampa a favore delle olimpiadi oggi è la stessa che ha appoggiato con entusiasmo nel 2012 il no di Monti alle Olimpiadi del 2020, e che, tra finanziamenti pubblici e linee padronali editoriali, è interessata agli uomini legati al cerchio magico del comitato olimpico. Un esempio? Il Messaggero chi ha come editore? Su quali terreni si dovrebbe costruire il nuovo villaggio olimpico?

 

 

Che dire, poi, di quei politici, sempre di sponda Pd, che oggi urlano alla mancanza di coraggio, mentre ieri, non l’altro ieri, con tono pacato e paterno hanno affermato che l’Italia ha altre priorità e bene ha fatto Monti (il suo governo aveva come azionista di maggioranza il Pd e come garante Napolitano) a rifiutare l’appoggio alla candidatura di Roma per i giochi del 2020.

 

 

 

 

Per intenderci quei piddini che hanno applaudito lo statista Monti quando ha detto “Non pensiamo sarebbe coerente impegnare l’Italia in quest’avventura che potrebbe mettere a rischio i denari dei contribuenti.  Le turbolenze finanziarie, quello che accade in Grecia, non consentono di prescindere da questa situazione, se vogliamo che non vengano messi a rischio i benefici conseguiti con i sacrifici richiesti ai cittadini. Il governo non ritiene che sarebbe responsabile, nelle attuali condizioni dell’Italia, assumere questo impegno di garanzia dei costi delle Olimpiadi. Tante volte in passato sono state prese, da governi di ogni segno, decisioni senza avere troppo riguardo per le conseguenze finanziarie. Noi non vogliamo che chi governerà l’Italia nei prossimi anni si trovi in una situazione di difficoltà”.

 

 

Cosa è cambiato in questi anni per un capovolgimento di fronte così radicale? Il debito pubblico? Certo, è passato da 1.928 miliardi a 2.250 miliardi. Il rapporto debito/Pil? Dal 127% si è giunti al 132,7% attuale. La disoccupazione? Aumentata dal 9,3% all’11,5%. Solo questi numeri dovrebbero spingere tutti a dire che oggi le olimpiadi sono un lusso che non ci possiamo permettere; ci sono altre priorità da affrontare e risolvere. Ma voglio andare oltre.

 

 

Nella mia Napoli ci sono opere legate ai mondiali del ‘90 ancora incomplete o che non saranno più realizzate. Sotto lo stadio San Paolo c’è un parcheggio che….mai aperto! Chi c’è a capo del comitato promotore dei Giochi Olimpici? Si, lui, il direttore generale del comitato organizzatore dei mondiali Italia 90. Premesso che la libertà di stampa per un paese che si trova nella classifica mondiale di merito al settantaseiesimo posto è oro colato, ma tale libertà perché non è stata esercitata non dico durante Mafia Capitale ma per scoprire gli scempi e gli sprechi dei mondiali di nuoto tenuti a Roma nel 2009?

 

 

Chi parla della edizione londinese e della perdita di 5 miliardi (la mia fonte parla di 1,6 miliardi dal Cio e basta….) di euro di finanziamenti (da chi???) perché non evidenza che con quei soldi non si coprono neanche la metà delle spese e che Londra 2012 ha portato uno sforamento dei budget iniziali, in quanto si è passati da 5,5 miliardi a quota 13 miliardi di euro? Indovinate chi ha pagato lo sforamento?

 

 

Chiedete ad un greco quando ha avuto inizio la crisi ellenica? Vi risponderà dal 2004. Cosa è stato organizzato alla modica cifra di 10 miliardi in Grecia proprio nel 2004? Chi propone Roma 2024 finge di ignorare che nella tratta Roma-Lido due treni su uno (permettetemi la battuta) hanno guasti e ritardi considerevoli.

 

 

 

Loro vogliono le olimpiadi per rilanciare Roma….Quella Roma che è stata culla della civiltà e capitale del mondo? Quella Roma che ad ogni metro ha opere d’arte invidiate da tutti? Per rilanciare Roma non occorrono 15 giorni di ribalta mondiale. Necessitano 365 giorni l’anno di normalità. Occorre una politica ordinaria degna di un paese moderno; solo così le sue meraviglie potranno essere ammirate e godute senza il pericolo della delinquenza, dei treni che non passano e delle strade colabrodo. Invece di prendersela con quei lestofanti che hanno sgovernato la città negli ultimi anni e che l’hanno ridotta a questo stato (la Raggi ha vinto perché in contrapposizione a queste fazioni ed ha preso il 67% del consenso romano), si urla all’oltraggio olimpico.

 

 

 

Una curiosità signor Malagò: lei è a capo del CONI, giusto? Ogni domenica si disputano partire di calcio in luoghi che non sono degli stadi ma, per dirla alla De Laurentiis, dei cessi. Luoghi dove non solo non sono garantiti servizi essenziali quali i bagni pubblici o la protezione dal maltempo (al San Paolo una pipì o una pioggia possono risultare imbarazzanti) ma ci sono organizzazioni criminali che gestiscono lo spaccio di droga e l’accesso agli spalti. Invece di indignarsi per un piccolo ritardo della sindaca della prima città d’Italia (lei, a proposito, è sempre puntuale agli appuntamenti che ha?), provi a risolvere questo schifo.

 

 

Ritorno sui colleghi che, legittimamente sia chiaro, scrivono di incapacità della Raggi e dei suoi uomini a gestire i grandi eventi. A loro chiedo se davvero Roma e l’Italia in generale abbisognino di grandi eventi o di una politica onesta, al servizio dei cittadini, che permetta a tutti i connazionali di curarsi (oggi 11 milioni non possono farlo e poco si scrive in merito…), che consente a chi dopo aver lavorato una vita (non con i voucher e schifezze similari….) di vivere dignitosamente il resto dei propri giorni con una pensione, che regali a chi si è sacrificato negli studi il giusto ricompenso lavorativo ed economico, il tutto condito da trasporti pubblici efficienti?

 

 

Rispondete per piacere senza pensare che il Movimento 5 Stelle è contro i finanziamenti pubblici all’editoria (uh….spe’…quali sono i giornali che ricevono contributi statali e che sono legati a….avete capito…) ma con il pensiero al futuro dei vostri figli?

 

 

 

Il periodo storico che viviamo vede una fetta importante di romani ed italiani in difficoltà. A mio avviso non è con la politica dei palazzinari che si risolvono questi mali, anzi….A Roma è cambiata la musica; chi ha spolpato la città se ne faccia una ragione. Anch’io dico no alle olimpiadi del mattone!

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5987 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.