9 dicembre 2016

Juventus: le soddisfazioni di Allegri

Anche questa sera Mister Massimiliano Allegri è lucido e pragmatico, come sempre: «Il dato più positivo della serata è aver ripreso la testa della classifica: devo dire che i ragazzi sono stati bravi», il suo primo commento.

Poi passa all’analisi del match: «Abbiamo interpretato bene la gara. Se proprio devo fare un appunto, dico che potevamo gestire meglio dopo il 2-0, abbiamo cercato la terza rete con troppa fretta. In generale abbiamo dato una bella risposta, anche alle critiche forse eccessive dopo la partita di domenica. Ma non mi stupisce, questo è un gruppo di grandi giocatori e grandi uomini, e quando è ora di prendersi responsabilità non si tirano indietro – continua Allegri – Adesso dobbiamo arrivare al meglio alla sosta, affrontando bene le partite che ci mancano, a Palermo, a Zagabria e a Empoli».

Parlanddo di tattica: «Questa sera le punte hanno fatto un ottimo lavoro, hanno dato molta pressione, facilitando anche il lavoro dei difensori». Quando parla di attaccanti, Allegri non dimentica nessuno: oltre a Higuain, che è andato a segno, «Hanno giocato bene Dybala, che ha dato ampiezza al gioco, e quando è entrato anche Mandzukic. Sarà fondamentale, potrà giocare insieme a Higuain e, con i giusti equilibri dietro, anche in un tridente con Dybala».

Prosegue il Mister: «Ha giocato molto bene Hernanes, che quando è chiamato in causa, da grande persona e grande professionista quale è si fa sempre trovarepronto, e anche Pjanic, che ha saltato le prime partite e oggi ha fatto una buonaprestazione. Ha giocato davanti alla difesa, quando è in questo ruolo bisogna essere bravi a cercarlo».

«Dobbiamo essere capaci ad accettare le critiche, specie se costruttive, ma senza lasciarci trascinare dall’aver perso una partita», conclude il Mister bianconero.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5987 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.