3 dicembre 2016

Franceschini e Azoulay inaugurano a Parigi la mostra “Leonardo in Francia, il maestro, gli allievi, cinquecento anni dopo la traversata delle Alpi”

 

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini, e il Ministro della Cultura e della Comunicazione francese, Audrey Azoulay, hanno inaugurato oggi la mostra “Leonardo in Francia, il maestro, gli allievi, cinquecento anni dopo la traversata delle Alpi” presso la sede dell’Ambasciata d’Italia a Parigi nell’Hôtel de la Rochefoucauld-Doudeauville in rue de Varenne, 51.

L’esposizione, che sarà aperta gratuitamente al pubblico fino al 20 novembre, si articola in un percorso connesso alla figura di Leonardo e dei discepoli che lo seguirono in Francia, come Francesco Melzi, o vennero in visita, come Gian Giacomo Caprotti detto Salai, attraverso una sezione espositiva e una didattica.

Negli ambienti del Teatrino Siciliano e del Salone sono esposti La Scapigliata di Leonardo da Vinci proveniente dalla Galleria Nazionale di Parma, Leda e il cigno e Sant’Anna Metterza di Francesco Melzi provenienti dalla Galleria degli Uffizi di Firenze, Salvator Mundi e San Giovanni Battista di Gian Giacomo Caprotti provenienti dalla Pinacoteca Ambrosiana di Milano, Flora di Francesco Melzi in prestito dalla Galleria Borghese di Roma, San Giovannino di Francesco Melzi proveniente dalla Galleria Estense di Modena e una serie di taccuini e disegni di Leonardo da Vinci dall’Istituto National de France di Parigi.

Nel Grande Salone del Mappamondo viene illustrato attraverso fonti dell’epoca il viaggio e la permanenza dell’artista in Francia. Documenti e riproduzioni di disegni presentano inoltre al pubblico aspetti meno noti della attività di Leonardo, come gli studi sugli abiti. Infine il mito di questo grande uomo del Rinascimento viene illustrato attraverso la sua fortuna nel cinema e nella letteratura, presentata attraverso supporti multimediali.

“Si tratta di opere di indiscusso valore – ha dichiarato il Ministro Franceschini – provenienti non solo da musei italiani ma anche dal Petit Palais. La mostra, frutto di una positiva collaborazione tra pubblico e privato, si avvale inoltre della preziosa collaborazione del Museo del Louvre, e rientra nel solco delle manifestazioni previste nei due paesi per il cinquecentenario della morte di Leonardo Da Vinci”.

Al margine della inaugurazione, i ministri Franceschini e Azoulay hanno avuto un incontro bilaterale nel corso del quale è stato manifestato quanto questa mostra sancisca la forza dei legami culturali tra Italia e Francia nelle politiche culturali.