11 dicembre 2016

Roma, FSI e “Il cuore grande di Flavio”: una corsa per la vita

  • alla stazione Roma Tuscolana, una casa famiglia per accogliere bambini in cura per malattie oncologiche

Una corsa per la vita.

Aprire una casa famiglia alla stazione Roma Tuscolana e finanziare la ricerca scientifica oncologica dell’ospedale Bambino Gesù di Roma. Queste le finalità della manifestazione sportiva, “Correndo con Flavio”,  in programma il 16 ottobre al Parco degli Acquedotti di Roma, organizzata dall’associazione “Il cuore grande di Flavio” e sostenuta dal Gruppo FS Italiane.

L’iniziativa, alla sua seconda edizione, è nata per ricordare sia i piccoli eroi  che, come Flavio, non hanno potuto vincere la gara contro il male sia quelli che tutti i giorni lottano per sconfiggerlo.

Con la raccolta fondi della corsa campestre l’associazione ristrutturerà un appartamento che Rete Ferroviaria Italiana ha concesso in comodato d’uso al primo piano del fabbricato viaggiatori della stazione Tuscolana di Roma. L’alloggio diventerà  “la casa di Flavio”, una casa famiglia per accogliere i bambini affetti da malattie onco-ematologiche, che arrivano a Roma per essere curati.

La stazione Roma Tuscolana, nel cuore della città, offrirà una posizione strategica per le famiglie che devono raggiungere l’ospedale Bambino Gesù al Gianicolo. Avere una casa in stazione renderà più agevole anche gli spostamenti da e per la città d’origine.

L’immobile è già stato consegnato ed è in fase di ristrutturazione. L’ultimazione dei lavori  è prevista entro la fine dell’anno.

Una parte del ricavato sarà destinato all’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma, impegnato nella ricerca scientifica per la cura del rabdomiosarcoma, il più frequente tumore delle parti molli in età pediatrica che ancora oggi registra un elevato rischio di mortalità.

Il Gruppo FS  ha fatto propria una politica di sostegno per iniziative sociali nelle aree ferroviarie, d’intesa con l’associazionismo e gli Enti locali.

Complessivamente, l’impegno immobiliare del Gruppo FS in chiave sociale e ambientale è di oltre 110 mila metri quadrati, concessi in comodato d’uso gratuito per un valore superiore ai 120 milioni di euro.