4 dicembre 2016

Quirinetta nuova stagione e nuovi spazi: si parte il 23 settembre con Tim Hecker, colosso dell’elettronica

La nuova stagione apre il 23 settembre 2016 con il colosso dell’elettronica Tim Hecker e prosegue con Peter Murphy, Bianco, Yumi Zouma e tanti altri

Dopo il successo di Villa Ada Roma Incontra il Mondo, Viteculture, seguendo la propria vocazione, continua il lavoro di riqualificazione degli spazi determinandone una nuova valenza in chiave contemporanea: main project il Quirinetta di Roma che riapre il 23 settembre con un “gigante” dell’elettronica live, Tim Hecker, per inaugurare una nuova stagione di musica dal vivo di artisti nazionali e internazionali dall’indie all’elettronica, passando per il goth rock di Peter Murphy, il blues, il pop raffinato e tanti ospiti.
“Ci siamo appena lasciati alle spalle una grande stagione di Villa Ada” dichiara Mamo Giovenco direttore artistico del Quirinetta, “ora la macchina si sposta di nuovo nel centro di Roma per proseguire con il progetto Quirinetta. La nostra ‘base’ che mantiene sempre di più un occhio attento e scrupoloso a 360° sul fermento culturale romano, un’antenna catalizzatrice di spunti creativi dalle principali capitali europee.Ci piace che continui a essere un ambiente fertile per la crescita e la produzione di nuove sinergie”.
Quirinetta aumentano gli spazi. Anche per il 2016, il lavoro di riqualificazione urbana continua con la valorizzarione della Sala Venere, così chiamata negli anni Venti – la sala piccola all’interno del teatro – rinnovata per vivere di vita propria, trasformandosi in cocktail bar con prodotti di alta qualità e una proposta musicale autonoma, fotografia del fermento culturale romano e punto di passaggio di quegli artisti internazionali in sinergia con la capitale, e la riqualificazione del locale accanto all’ingresso del Quirinetta: un giardino d’inverno dai colori nord europei, dove nascerà un ristorante e bar aperto 18 ore al giorno, forte di un’offerta gastronomica che premia la degustazione di piccolo piatti e cocktail.
Quirinetta programma 2016. Con un occhio particolarmente attento alla scena elettronica live e al clubbing, al Quirinetta si riparte ufficialmente il 23 settembre con uno dei colossi dell’elettronica sperimentale,Tim Hecker, già ospite del Sonar e del Primavera Sound, con una performance live d’impatto in cui l’intensità sonora della musica dal vivo si unisce a una componente di luce sperimentale progettata e disegnata da MFO di Berlino.
 Si prosegue poi con Yumi Zouma 30 settembre, la quintessenza del pop moderno, acclamati dalla popstar Lorde e da Chet Faker, per i quali hanno aperto le date dei rispettivi tour neozelandesi e australiani; Bianco, il cantautore torinese voce dell’indie italiano per un live con band al completo, ospiti ed effetti speciali a profusione il 1 ottobre; JMSN, da Marvin Gaye e Donny Hathaway, uno dei più influenti esponenti dell’attuale scena black statunitense (20 ottobre); UncleAcid and the deadbeats il 24 ottobre con il loro sound dalle tinte oscure e le loro liriche “horror”.
Sempre dall’autorevole scena internazionale, il 25 ottobre al Quirinetta arriverà Peter Murphy con il suoStripped Tour: un’occasione unica per rivivere i momenti più importanti degli anni d’oro del goth-rock e per ascoltare una vera leggenda musicale.
Al Quirinetta anche: Nada Surf (30 ottobre), Koop Oscar Orchestra (9 novembre), Preoccupations (fka Viet Cong), il 24 novembre, Giò Sada il 1 dicembre, Lucky Chops il 6 novembre, Digitalism il 10 dicembre e molti altri.
Quirinetta non solo musica. Dopo le esperienze della prima stagione, che con Viteculture ha portato nello spazio di Via Marco Minghetti appuntamenti culturali a 360°, anche per la nuova stagione il locale liberty sarà sede fissa del Vintage Market, che quest’anno avrà un focus specifico sul design (primo appuntamento il 9 ottobre con il d-mrkt) e di alcune delle principali crew della vita notturna romana come lswr, l-ektrika, Glamda e Rebel Rebel.
Non mancheranno, inoltre, le incursioni di altre forme d’arte che vedranno confermate alcune collaborazioni come quella con il mondo del cinema e curatori indipendenti per trasformare il Quirinetta anche per quest’anno in una galleria d’arte contemporanea in continua evoluzione e aperta a tutti.