3 dicembre 2016

30mila euro di bolletta, la denuncia di Chiara: “Mi hanno staccato la corrente e non vogliono darmi spiegazioni”

Una bolletta dell’Eni da 30mila euro. E’ stata recapitata alla signora Chiara, che ha raccontato la sua disavventura ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

“Inizialmente pensavo ad un errore –ha raccontato Chiara-. Leggendola, ho visto che si riferiva ad un maxi conguaglio. Ma di conguaglio non poteva trattarsi in quanto noi abbiamo un contatore elettronico che dovrebbe dare una lettura automatica e non poteva trattarsi neanche di arretrati perché ho il rid bancario. A quel punto abbiamo richiesto spiegazioni, che ovviamente non ci sono state date. Io ho inviato all’Eni tre raccomandate. Non mi hanno sottratto i 30mila euro dal conto in banca solo perché non c’era la disponibilità di quel denaro. E’ stata proprio la banca a suggerirmi di revocare il rid.  Io ho sempre pagato le fatture, non c’è mai stata una sospensione dei pagamenti. Poi mi hanno mandato un sollecito, io ho inviato un’altra raccomandata. Dopo circa 10 mesi l’Eni ha deciso di porre il sigillo al contatore. Tutto ciò senza darmi alcuna spiegazione. Mi sono rivolta all’Associazione Codici per chiedere aiuto, perché qui mi sembra un’estorsione: o mi paghi o ti stacco la corrente. Sono andata di persona all’Eni e mi hanno detto che anche il distacco era frutto di un errore perché quando c’è un contenzioso non si può staccare la corrente. Continuano a dirmi che a breve me la riattaccheranno e invece niente”.

Fonte: Radio Cusano Campus