6 dicembre 2016

Di Battista: “Il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro”

L’art. 36 della Costituzione dice: “il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla sua famiglia un’esistenza libera e dignitosa”.

Questa è la Costituzione sulla quale hanno giurato i personaggi che hanno trasformato una Repubblica fondata sul lavoro in una Repubblica fondata sui voucher. Nei primi 7 mesi del 2016 i voucher, ovvero i buoni-lavoro per le prestazioni occasionali, sono stati 84,3 milioni. Un boom pazzesco, +36%! Il bello è che l’ISTAT ti considera occupato anche se ne hai ricevuto uno solo in una settimana. Avete capito bene! Se hai lavorato un’ora e hai guadagnato 7,5 euro (il buono è da 10 ma 2,5 euro sono le tasse), ovvero il prezzo di un pasto in un fast-food, risulti occupato e Renzi ti “sfrutta” per dire che l’Italia è ripartita.

Questo è il quadro. Questo paese non ripartirà mai senza sostegno alle piccole e medie imprese e senza reddito di cittadinanza. Povertà e disinformazione sono, ahimè, direttamente proporzionali. Vi prego, ricordatevi che chi oggi vuole cambiare la Costituzione sta portando avanti politiche sul lavoro che la violano costantemente. Anche per questo#IoDicoNo

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5967 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.