Tassi di interesse ancora bassi, risparmiatori poco avvezzi al rischio

Per chi decide di non tenere i propri risparmi sotto il materasso il primo passaggio è l’apertura di un conto corrente. Ma “qual’è il conto corrente più conveniente?




Come ha fatto rilevare  The Economist “Sempre più nazioni emettono obbligazioni con rendimenti negativi”.

Il risultato, che gli analisti sostengono sia sotto gli occhi di tutti, mette in evidenza che troppo spesso l’acquisto di una qualsiasi tipologia di titolo preveda un costo molto più elevato rispetto all’effettivo rendimento.

I tassi di interesse risultano sempre più bassi. Percentuali alla mano dal 1985 al 2008 si è passati dal 4 al 2 per cento, e dal 2008 ad oggi la situazione è letteralmente precipitata con un calo che ha portato a toccare quota 0,5 per cento.

Alla crisi economica molte banche centrali hanno risposto facendo scendere il livello degli interessi, sostenendo una posizione provvisoria in attesa di segnali positivi di crescita.

Altre invece fra cui la Banca Centrale Giapponese e la BCE, Banca Centrale Europea, hanno fatto gravare sugli istituti di credito la presenza di riserve in contanti, sulle quali è stato posto un interesse negativo.

La propensione al risparmio è messa a dura prova dalla situazione creatasi e dalla ripresa che stenta a decollare.

I risparmiatori crescono ma al contempo diminuiscono le possibilità di ottenere guadagni adeguati agli investimenti.

In linea teorica la presenza di tassi di interesse decisamente bassi dovrebbe convincere gli investitori a scegliere di investire in prodotti alternativi, di norma più rischiosi, che dovrebbero fornire all’economia la giusta spinta per riprendere quota.

Ma nonostante il cambio di tendenza da parte dei risparmiatori, impegnati nella ricerca di strade alternative, l’economia non sembra ripartire come dovrebbe.

I risparmiatori, preoccupati e poco avvezzi al rischio, puntano a soluzioni di investimento che reputano più sicure ma non si rivelano estremamente vantaggiose dal punto di vista dei risultati.

Le scelte dei risparmiatori inducono di conseguenza le banche a tenere bassi i tassi di interesse, e i tassi di interesse bassi non convincono i risparmiatori a spostarsi verso strade alternative. Insomma le due posizioni continuano a porsi vicendevolmente limiti invalicabili.

Per chi decide di non tenere i propri risparmi sotto il materasso il primo passaggio è quello relativo all’apertura di un conto corrente. Per questo la prima domanda che il nuovo correntista si pone è “qual’è il conto corrente più conveniente?“.

Una domanda lecita alla quale offre risposte precise una realtà come qualeconto.net.

Il comparatore on line consente di osservare più da vicino le soluzioni più interessanti offerte dal mercato in termini di convenienza e caratteristiche.

Qualeconto.net vi guida nella scelta attraverso schede dettagliate che aiutano ad individuare il conto corrente che meglio si adatta alle esigenze del singolo.