8 dicembre 2016

Roma, Metro C, Avv. Migliardi, Radicali: “La Metro C è fallita, tecnicamente il progetto non può essere realizzato”

L’Avv. Francesco Mingiardi, direzione Radicali Roma, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

In merito ai costi della Metro C e la delibera dell’Anac. “La storia della Metro C è iniziata nel 2006 con l’affidamento del contratto –ha affermato Mingiardi-. Tra l’affidamento e la stipula del contratto, la fisionomia e i costi dell’opera sono stati stravolti. Tutto ciò in violazione delle norme sugli appalti pubblici. Le imprese hanno accelerato da subito a chiedere riconoscimenti che non gli erano dovuti, lo attesta anche l’Anac che dice che gli oneri per la sicurezza erano già presenti nel contratto e invece sono stati richiesti e quindi duplicati. La responsabilità è di chi non ha controllato e non ha saputo tenere a freno la gola del contraente generale. Si è passati da un’opera per cui la base di gara era 3 miliardi e 46 e ora addirittura è arrivata a 5 miliardi. Dei molti esposti che abbiamo fatto noi in Procura e in Corte dei Conti alcuni hanno prodotto già un effetto. L’Anac l’anno scorso ha rilevato che l’opera era totalmente difforme rispetto ai progetti approvati. Noi abbiamo sempre impostato la nostra iniziativa: accertare l’inutilità sociale di questa opera specifica. Si tratta di portare una macchina sul ciglio di un burrone e decidere se proseguire o fermarsi. Noi diciamo che l’opera si deve fermare perché comporterebbe ulteriori costi per i cittadini. Nessuno è ancora in grado di dire come si possa realizzare la stazione a Piazza Venezia. La progettazione è stata fallimentare. Con questo progetto sbagliato non è possibile tecnicamente che l’opera raggiunga l’obiettivo. La Metro C è già fallita tecnicamente. Siccome andare avanti costerebbe veramente tanto, bisognerebbe trovare il modo di ottimizzare quello che è già stato fatto. E poi, grazie alle nuove tecnologie, si potrebbe realizzare una metropolitana diversa, più leggera, a costi probabilmente inferiori rispetto a quelli che si prospettano”.

Fonte: Radio Cusano Campus