Giornata difficile per Rea in Germania

Il pilota del Kawasaki Racing Team Jonathan Rea avrà l’obiettivo di cambiare le cose domani in Gara2 nel #GermanWorldSBK round.
Dopo aver concluso in undicesima posizione la giornata del venerdì, Rea ha affrontato la Superpole 1, si è classificato per la Superpole 2 e ha ottenuto il sesto miglior tempo nelle qualifiche, ma in gara è caduto nel corso dell’ottavo giro, alla curva 10.
Il portacolori dell’Aruba.it Racing – Ducati Chaz Davies ha dominto la corsa dalla pole position, ha tagliato il traguardo davanti al rivale Tom Sykes e il vantaggio di Rea sull’inglese è ora ridotto a soli 26 punti, quando mancano sette gare al termine della stagione.
Questo è il secondo ritiro consecutivo per Rea, dopo Gara2 di Laguna Seca dove era stato frenato da alcuni problemi tecnici, che aveva interrotto così una sfilza consecutiva di 17 podi.
Rea ha spiegato la caduta: “È stato molto frustrante. Quando sono arrivato alla curva 10 mi sono trovato in folle e il problema è che quando corri a questi livelli, al limite, non c’è margine d’errore. In quel momento non avevo freno motore e non ho potuto fermare la moto in curva. Ho provato a mettere la prima ma non è entrata, e proprio all’ultimo quando ero con la moto inclinata è entrata e sono caduto. È stato frustrante”.
Rea rimane ottimista e ha aggiunto: “Non possiamo pensare al Campionato, è troppo presto. Bisognerà solo partire domani e cercare di fare il miglior lavoro possibile. La cosa positiva è che qualunque cosa accada domani sarò il leader in classifica, quindi non pensiamoci. Oggi mi sentivo bene in sella rispetto a ieri. Non era perfetto perché era piuttosto difficile restare davanti, ma ho imparato molto e spero di poter applicare le nuove nozioni domani e tenere il ritmo in modo più semplice”.
Fonte: worldsbk.com

I video del giorno

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9341 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.