8 dicembre 2016

80 anni del centro sperimentale di cinematografica, alla Casa del Cinema dal 19 settembre incontri e proiezioni

Dal 19 settembre alla  Casa del Cinema iniziano i festeggiamenti per gli 80 anni del  Centro Sperimentale di Cinematografia.  I primi appuntamenti in programma (19, 26 e 30 settembre) prevedono una serie di proiezioni accompagnate da incontri con i registi  e con gli allievi che raccontano il “loro” Centro Sperimentale di Cinematografia: un tassello importante per arricchire il grande mosaico che è la storia del cinema.

“Per gli ottant’anni, il Centro Sperimentale di Cinematografia si mette in mostra, per raccontarsi e raccontare non solo il cinema italiano, ma anche i mutamenti storici e culturali dell’Italia. Dal 1935 ad oggi il Centro è una fucina di leve non soltanto di registi, ma anche di attori e attrici, sceneggiatori, costumisti, direttori della fotografia, montatori, fonici e tutti coloro che sono responsabili a vario titolo della creazione dell’opera cinematografica e ne sono perciò autori. Corpi, volti, luoghi che non solo descrivono i gusti divistici delle diverse epoche e che viene ben testimoniata dalla mostra allestita per l’occasione – ma anche proiezioni di saggi di diploma, esercitazioni e lungometraggi.  Come in un gioco di scatole cinesi, le stesse durate delle immagini in movimento del Centro possono variare a seconda della gestione e dell’indirizzo dato dai vari presidenti che si sono avvicendati nel tenere alto l’onore di questa importante istituzione e passare, nel corso degli anni, dal cortometraggio, al medio metraggio, al lungometraggio per poi tornare a essere corto. Ogni appuntamento sarà accompagnato dall’incontro con gli allievi che ci racconteranno, in una sorta di “soggettiva libera indiretta”, il “loro” Centro Sperimentale di Cinematografia, utile tassello per arricchire quel grande mosaico che è la storia del cinema. Guardare il passato per proiettarsi nel futuro. Perché come l’avvento del cinema ha costretto il romanzo dell’ottocento a ridefinire i propri confini narrativi, sospingendo l’opera letteraria verso i territori poco esplorati di una interiorità inafferrabile dall’occhio della cinepresa, così oggi è il cinema a dover ripensare gli ambiti della sua narrazione sotto la spinta prepotente della serialità, sperimentando sintesi espressive nuove. Ma i festeggiamenti degli 80 anni del Centro Sperimentale di Cinematografia alla Casa del Cinema che cominciano a settembre e che proseguiranno per tutto il mese di ottobre e di novembre vogliono idealmente anche inaugurare una felice sinergia tra due importanti istituzioni nella promozione e diffusione del cinema italiano”.

Stefano Rulli
Presidente centro Sperimentale di Cinematografia
 

PROGRAMMA 

LUNEDÌ 19 SETTEMBRE

1935 – 1945

ore 15.30

Caccia tragica di Giuseppe De Santis (1946, 90’)

ore 17.30

Cronaca di un amore di Michelangelo Antonioni (1950, 102’)

ore 20.00

Breve presentazione degli 80 anni del Centro Sperimentale di Cinematografia con Stefano Rulli e Caterina d’Amico

a seguire Al centro del cinema (2015, 57’)

a seguire Processo alla città di Luigi Zampa (1952, 108’) Copia restaurata dalla Cineteca Nazionale

LUNEDÌ 26 SETTEMBRE

1945 – 1955

ore 15.30

Ragazzi di Trastevere di Umberto Lenzi (1956, 40’)

a seguire La villeggiatura di Marco Leto (1973, 112’)

ore 18.30

Passeggiata di buon mattino di Folco Quilici (1952, 17’)

a seguire Gli sbandati di Francesco Maselli (1955, 78’)

ore 20.30

Incontro con Fernando Birri, Luigi Di Gianni

a seguire Immagini popolari siciliane sacre di Fernando Birri e Mario Verdone (1954, 9’)

a seguire Immagini popolari siciliane profane di Fernando Birri e Mario Verdone (1954, 11’)

a seguire Artisti stranieri in Italia – Castagnino ’65 Diario romano di Fernando Birri (1965, 12’)

a seguire L’arresto di Luigi Di Gianni (1954, 32’)

VENERDÌ 30 SETTEMBRE

1955 – 1965

ore 20.00

Étude di Istvan Gaal (1961, 7’)

Danza macabra di Gustavo Dahl (1962, 8’)

Uno due tre di Emidio Greco (1966, 25’)

ore 21.00

Incontro con Silvano Agosti

a seguire

Requiem di Silvano Agosti (1961, 13’)

La veglia di Silvano Agosti (1962, 24’)

Il giardino delle delizie di Silvano Agosti (1967, 88’)

About Emanuele Bompadre 8266 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.