3 dicembre 2016

Regione Lazio, ATER, Santori: “Interrogazione a Zingaretti sul nuovo ruolo di Estella Marino”

Sei un politico di partito? Avrai la tua carriera. E sarà fulminea quella di Estella Marino da impiegata a dirigente in Ater? Sarebbe triplo il salto in avanti che rischia di compiere l’ex assessore all’Ambiente della giunta Marino grazie alla giunta Zingaretti tramite i suoi nominati. Lungi dall’entrare nel merito delle conoscenze dell’ingegnere Marino, la decisione dei vertici dell’Ater di Roma di spostare la Marino nell’ufficio del dirigente del Servizio amministrazione e finanza, suscita forti perplessità sulla volontà di creare i presupposti logici e giuridici per un percorso carrieristico ad personam: con un atto ibrido, una determinazione direttoriale, di fatto si nasconde dietro uno spostamento di ufficio il riconoscimento di mansioni superiori svolte da anni da parte dell’esponente del Partito Democratico. La determinazione del direttore di Ater Roma, firmata sotto ferragosto, lascia inoltre basiti per l’indicazione contenuta all’ultimo punto ordinando di non pubblicare il provvedimento sul sito internet aziendale, in barba a ogni principio di trasparenza della pubblica amministrazione. Scelta del tutto arbitraria e opaca, che getta un ulteriore dubbio sulla politica della giunta Zingaretti fatta per gli amici del partito e non per premiare il merito. Questi presupposti per una ‘promozione’ fulminea dell’ex assessore Marino sono inaccettabili a maggior ragione per il fatto che circa 300 dipendenti dell’Ater dal 2012 cercano invano la revisione della loro posizione facendo valere anni di servizio e esperienze incredibilmente non riconosciuti”.

E’ quanto dichiara Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio di Fratelli d’Italia membro della commissione Politiche abitative che sul tema depositerà a breve un’interrogazione immediata per fare luce su queste decisioni quanto mai sospette per una serie di contestazioni sia formali che giuridiche che potrebbero avere conseguenze anche penali e per danno erariale.