10 dicembre 2016

Referendum, Castelli, M5S: “Renzi strumentalizza gli italiani, gli Stati Uniti e i servizi segreti pur di vincere il referendum”

Laura Castelli, portavoce del M5S, è intervenuta ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

In merito alle dichiarazioni dell’ambasciatore Usa in Italia. “Vorrei partire dalle parole di Mattarella, che ha detto che il referendum è un confronto elettorale e deve svolgersi senza ingerenze. Su Dagospia è uscito un articolo secondo cui la gaffe dell’ambasciatore Phillips sarebbe voluta da Obama, perché i consiglieri della sicurezza nazionale hanno convinto il presidente americano, su input dei nostri servizi segreti, che Renzi rappresenta un argine contro l’Isis. Quando ho letto questo articolo ho subito ricordato la dichiarazione che fece la ministra Boschi il 18 luglio, quando disse: ‘Bisogna dire sì al referendum per combattere il terrorismo’. Quando si legge questo punto di vista di Dagospia non si può far altro che osservare che Renzi vuole vincere questo referendum a tutti i costi. Renzi dunque dimostra di strumentalizzare gli italiani, gli Stati Uniti e i servizi segreti di questi due Paesi. Questo non è un atteggiamento normale per un Presidente del Consiglio”.

Le ingerenze. “Io voglio restare sulla questione delle ingerenze –ha aggiunto Castelli-, perché secondo noi i rapporti istituzionali, anche con gli Stati Uniti, si devono tenere con le loro rappresentanze e devono passare per un onesto confronto. Inoltre le ingerenze continuano, poche ore fa il presidente dell’Istituto superiore di sanità chiede agli italiani di votare sì perché così gli investimenti in ricerca continueranno. Mentre lo stesso presidente non si è mai irrigidito per il fatto che oggi l’articolo 32 di tutela alla sanità pubblica non è applicato, per cui noi oggi abbiamo 11 milioni di italiani che non riescono a curarsi e abbiamo le cause farmaceutiche che costano allo Stato 28 miliardi l’anno. Queste ingerenze vanno tutte nella stessa direzione. Questa riforma costituzionale non è corredata da una parte econometrica. Oggi non possiamo dire che questa riforma avrà impatti economici di un certo tipo, perché non è corredata da dati economici che ci permettano di fare previsioni su questo. Credo che spingere sulla questione economica sia nient’altro che un’ingerenza”.

Dichiarazioni Merkel. “L’Europa vuole questa riforma perché fa il proprio gioco –ha spiegato Castelli-, è molto centralistica e mette quasi tutto il potere nelle mani del Presidente del Consiglio. Io immagino nei prossimi giorni un Renzi che scorrerà la sua rubrica e chiamerà chiunque per fargli fare una dichiarazione che inviti a votare sì”.

AUDIO http://www.radiocusanocampus.it/podcast/?prog=486&dl=9988

Fonte: Radio Cusano Campus