8 dicembre 2016

Vacanze a Lecce: cosa visitare assolutamente

 

Prenotato un b&b con piscina Lecce è il momento di iniziare a pianificare un itinerario di viaggio. Lecce è la capitale del barocco del Mezzogiorno d’Italia, perla d’arte e cultura che attrae ogni anno, per dodici mesi, turisti da ogni parte d’Italia e non solo e definita, non a caso, la Firenze del Sud.

Il barocco leccese

Il centro storico di Lecce vive di arte seicentesca che si concede allo sguardo in ogni vicolo e scorcio. La Basilica di Santa Croce è il simbolo più significativo corrente barocca, conclusa nel 1695 e attigua all’ex Convento dei Celestini, oggi sede della Provincia e della Prefettura leccesi. poche centinaia di metri per raggiungere il Duomo, la sua piazza internata, ampia e luminosa e il campanile, il più alto della provincia, che sormonta lo skyline cittadino. Tra i due capolavori si erge la piccola Chiesa di Sant’Irene, una gemma incastonata nel corso della città, espressione fine di quello stile che cambiò i connotati di Lecce. Su un asse che taglia trasversalmente la direttrice che collega il Duomo da Santa Croce, sorge la Chiesa di San Matteo, altro capolavoro barocco che risplende grazie ai colori vivi della pietra leccese e al virtuosismo dei maestri che concorsero a realizzarla.

L’Anfiteatro Romano

L’Anfiteatro Romano è il monumento più indicativo dell’antica dominazione Caput Mundi. L’opera è stata rinvenuta solo nei primi anni del ‘900 e, in seguito ai lavori di scavi, si prese l’aria antistante a Piazza Sant’Oronzo, diventando un emblema del luogo. L’anfiteatro si veste a festa in occasione di eventi, cerimonie, galà e concerti e pulsa di dinamismo e suggestioni, in una cornice meravigliosa, che mescola il fascino millenario delle sue origini alla modernità che la circonda.

La Colonna di Sant’Oronzo

Tra l’anfiteatro e la piazza omonima, si erge la Colonna di Sant’Oronzo, dedicata al protettore della città. Il monumento si eleva per 29 metri e culmina con la raffigurazione in bronzo del santo. In origine, la colonna indicava l’origine della Via Appia, che collegava Brindisi a Roma.