6 dicembre 2016

Il round tedesco guida le ultime quattro tappe della stagione

La pausa estiva è terminata e il WorldSBK sta entrando nella fase finale della stagione 2016, ma con quattro round ancora da disputare i punti in palio sono ben 200. Considerando questo, il leader del Campionato Jonathan Rea non può dare nulla per scontato nelle prossime settimane e deve restare concentrato a difendere il titolo.
Il nord-irlandese è in una forma strepitosa, ma un ritiro in Gara2 a Laguna Seca gli ha fatto iniziare male la pausa estiva. Tuttavia Rea possiede ancora il vantaggio, ha ottenuto più vittorie di chiunque altro quest’anno e nonostante il WorldSBK sia estremamente competitivo tra Ducati e Kawasaki in termini di ritmo, è stato Rea a ottenere i risultati più costanti.
La Germania sarà comunque una nuova frontiera per molti piloti. Il Lausitzring non ospita il WorldSBK dal 2007 e tra i piloti attuali solo Josh Brookes era sulla griglia, anche se nel WorldSSP. Di conseguenza ci vorrà del tempo prima che i piloti tocchino la massima velocità nel circuito, costruito all’interno di un ovale.
Il Lausitzring è dunque un foglio di carta bianco per tutti, che si tratti di squadre, piloti, ingegneri, giornalisti nessuno può dire effettivamente che cosa lo aspetta. Potrebbe essere quindi una grande opportunità per qualcuno che farà magari qualche risultato a sorpresa.
Un team che proverà a sorprendere sarà Yamaha. Il team, come molti altri, ha svolto due giorni di test al Lausitzring e dovrebbe essere competitivo fin dall’inizio. La sfida di correre con una nuova moto prevede che nella prima stagione si passi tempo a imparare e capire ogni circuito, mentre un team come Yamaha, o addirittura come SMR del Milwaukee BMW, arriverà a ogni tracciato con un setting base che permette di costruire la fiducia con piccoli cambiamenti necessari per ottimizzare le impostazioni che richiedono tempo. Avere due giorni di test dovrebbe appianare queste questioni.
Per Alex Lowes, il ritorno nel WorldSBK arriva dopo aver corso e vinto la 8 Ore di Suzuka durante l’estate, e aver fatto due apparizioni in due gare consecutive di MotoGP, a Silverstone e Misano, come sostituto dell’infortunato Bradley Smith. Il 26enne è ora pronto per tornare al lavoro e puntare a buoni risultati negli ultimi quattro round. Lowes ha rimediato un infortunio durante la stagione e a Suzuka è stato uno di quei momenti in cui si è visto il potenziale del pilota e della moto. Nonostante le specifiche sulla moto siano diverse rispetto a quella del WorldSBK, Lowes è fiducioso di poter mostrare le sue abilità.
I soliti sospettati lotteranno per la vittoria. Con 46 punti di ritardo Tom Sykes è l’unico pilota con una reale possibilità di sfidare Rea per il titolo. Il pilota della Kawasaki è stato molto forte quest’anno, ma nonostante le sue cinque vittorie ha concluso qualche gara anche fuori dal podio. Il suo recente stato di forma è impeccabile e il mantenimento dopo la pausa estiva è di fondamentale importanza per l’ex campione.
Sykes è un eccezionale pilota del World Superbike e uno dei migliori che abbiamo visto sul palcoscenico mondiale. Può essere dominante e velocissimo. Ora però non ha margine di errore negli ultimi quattro round – se Sykes vincerà il titolo dovrà vincere molte gare nei prossimi due mesi.
C’è ancora il titolo in palio in questo 2016, ma il tempo per Sykes sta per scadere se vuole fermare Rea. Con il ticchetio dell’orologio, i rivali di Rea dovranno ricordarsi che se si arriva al Re, il meglio non deve mancare…
Fonte: worldsbk.com
Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5959 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.