10 dicembre 2016

Il fine settimana del gusto è a Oriolo Romano e a Cantalice

 

Tra funghi porcini e “strengozze”, nel Lazio il fine settimana del gusto andrà in scena in due fra i borghi più suggestivi di tutta la regione. Sarà la centralissima piazza Umberto I°, dominata dall’imponente Palazzo Altieri e abbellita dalla Fontana delle Picche attribuita ad un allievo del Vignola, la location ideale della Sagra del Fungo Porcino di Oriolo Romano, giunta alla 13esima edizione. L’appuntamento è fissato dal 16 al 18, e ancora dal 23 al 25 settembre, nell’antico paese in provincia di Viterbo, dove questa amatissima specialità sarà servita davvero in tutte le salse: trasformata in una deliziosa crema nobiliterà le bruschette; sarà poi il condimento ideale delle fettuccine, nelle due versioni con e senza ragù, e l’ingrediente principale di una zuppa con i fagioli; fra i secondi, si potrà scegliere fra lo spezzatino e l’arista ai funghi porcini, e ancora fra il particolare hamburger con crema ai porcini e i funghi fritti, senza dimenticare il pane, ovviamente al gusto di porcini. Lo stand gastronomico sarà aperto il venerdì solo a cena mentre il sabato e la domenica pranzo e cena. Non mancheranno le ricette più classiche come bruschette, fettuccine al ragù e carni alla griglia, mentre dal 16 al 18 settembre anche gli intolleranti al glutine potranno gustare le specialità della sagra, che affianca al ricco menù un programma che spazia dagli spettacoli musicali alle conferenze a tema, dai mercatini fino alle mostre d’arte.

Spostandosi in provincia di Rieti, ecco che una nuova location farà da sfondo a un piatto che porta in tavola la storia di un intero borgo: la sagra delle strengozze di Cantalice “trasloca” in piazza Madonna della Pace ma mantiene inalterate le caratteristiche che l’hanno resa una delle manifestazioni più attese del mese di settembre. Il 17 e il 18 settembre – lo stand gastronomico resterà aperto il sabato a cena e la domenica a pranzo e a cena – i visitatori potranno così gustare questo particolare tipo di pasta fatta a mano realizzata con acqua e farina e condita con pomodoro, aglio e “persa”, una pianta simile alla maggiorana che cresce proprio in questo territorio: prodotti semplici e rigorosamente a chilometro zero, espressione di un tratto del Lazio generoso e tutto da scoprire. Oltre alla location, novità dell’edizione 2016 della sagra sarà un programma di intrattenimenti ancora più ricco, a partire dal mercatino con una ricca selezione di artigianato artistico e creativo, senza dimenticare le mostre di pittura e di arti creative, gli spettacoli folcloristici e musicali, l’area giochi per bambini e il comodo servizio di bus navetta che, partendo da Cantalice inferiore, consentirà di visitare le bellezze del borgo e il Santuario di San Felice all’Acqua. Una parte dell’incasso della sagra e della lotteria sarà inoltre devoluto alla Pro Loco di Amatrice per la ricostruzione delle zone terremotate.

a cura di www.fuoriporta.org